Quando la consulenza è una questione morale

A
A
A

La qualità consulenziale e l’orientamento all’utente, anche se del tutto conformi al quadro regolamentare, possono variare significativamente in funzione dell’ideologia morale del professionista. Tuttavia il suo comportamento non dipende solo dalle sue credenze (micro- livello individuale) ma anche dal tipo di cultura dell’integrità dell’azienda per la quale opera (meso-livello organizzativo) nonché dalla percezione prevalente del complesso dei valori e delle pratiche che connotano il settore (macro- livello).

La tesi, ampiamente dimostrata in letteratura, viene ben rappresentata in uno studio (Three Levels of Ethical Influences on Selling Behavior and Performance, 2017). In conseguenza, ogni specifico comportamento professionale ha degli antecedenti e delle responsabilità di ciascuno dei tre livelli. Il legislatore dovrebbe realizzare politiche che richiedano a tutti i soggetti interessati di occuparsi della dimensione culturale del clima etico. Le autorità di controllo dovrebbero misurare, monitorare e porre in atto interventi che possano favorire lo sviluppo di una cultura dell’integrità condivisa, in stretta sinergia con le associazioni degli intermediari e degli operatori. Ogni azienda dovrebbe coerentemente realizzare percorsi educativi per lo sviluppo del ragionamento etico dei professionisti e del personale interno. E ogni professionista dovrebbe impegnarsi per acquisire una consapevolezza delle regole morali che utilizza nelle proprie decisioni professionali e dei meccanismi di disimpegno morale che adopera per autogiustificare comportamenti scorretti. Tuttavia, di tali orientamenti, a parte qualche caso virtuoso, non sembrano esserci tracce significative. Si potrebbe dire con Milgram: “È facile ignorare la responsabilità quando si è soltanto un anello intermedio in una catena di azioni”.


1 commento

ARTICOLI CORRELATI

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Ti può anche interessare

Consulenti, pubblicità ma corretta

Non si può denigrare la professionalità dei cf solo per motivi di advertising. ...

Consulenti, il contratto ibrido è stato un flop

Calcagni (Fisac Cgil): “Solo 30 persone inquadrate così finora”. ...

Consulenti, asse Ocf-Guardia di finanza

Rabitti Bedogni e il generale Sirico firmano l’intesa per scambiare dati, notizie e informazioni. ...