Buoni postali, spiraglio rimborsi per i risparmiatori

A
A
A
Roberta Maddalena di Roberta Maddalena 29 Aprile 2019 | 10:50
Novità per i buoni fruttiferi postali: sembra esserci una speranza per i risparmiatori secondo le sezioni unite della Cassazione.

Sembra esserci una speranza per i rimborsi dei risparmiatori. E questo nonostante lo scorso febbraio la Cassazione abbia dichiarato la legittimità del cambio dei rendimenti per i buoni fruttiferi postali.  In base alla sentenza di febbraio, che ha ribaltato la pronuncia del 2007, lo Stato poteva ricalcolare infatti i rendimenti sui buoni postali emessi prima del 1999.

Con un pronunciamento di qualche mese fa, la Cassazione ha stabilito la legittimità del decreto con cui vennero ridotti i tassi di interessi dei buoni postali perchè non era necessario che il sottoscrittore venisse ulteriormente informato dalle Poste del cambiamento avvenuto. Secondo un articolo pubblicato sabato 27 aprile su Plus24 – il Sole24Ore, ci sono però ancora alcuni piccoli spiragli di un rimborso a favore dei risparmiatori.

Il settimanale ha interpellato infatti l’avvocato Letizia Vescovini, la quale sostiene una tesi: esiste comunque la possibilità per i risparmiatori di ottenere un rimborso sugli interessi dei buoni postali liquidati dal 21esimo al 30esimo anno. Secondo l’avvocato infatti, nel testo del decreto ministeriale del 1986, che modificò i tassi, c’era comunque un difetto di comunicazione. Nel testo cartolare diffuso dalle Poste mancava infatti l’esplicitazione sul rendimento del titolo dal 21esimo al 30esimo anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Buoni Postali, come ottenere fino al 2,5% all’anno

Cassazione, arriva la beffa dei buoni postali

Buoni senza info sul termine? Tema caldissimo per l’Abf

NEWSLETTER
Iscriviti
X