Caccia grossa nel risparmio gestito

A
A
A
di Redazione 30 Aprile 2019 | 11:03
C’è fermento nel settore: Mediobanca vuole Kairos, Arca e Anima pensano all’aggregazione. Azimut si gode il boom di Borsa e resta da sola.

Le pedine si muovono sullo scacchiere del risparmio gestito. Come riporta Repubblica, il settore è in fermento: da inizio anno diverse società di gestione si stanno guardando intorno sul mercato. L’avvento della Mifid 2 potrebbe erodere i margini e, dopo il disastro di fine 2018, l’ondata rialzista sui mercati potrebbe essere il momento giusto per trovare nuovi assetti. C’è chi vuole acquistare, chi intende vendere. In atteggiamento da cacciatori ci sono colossi come Mediobanca e Generali (alle prese con la sua politica di acquisizione di società specializzate). Dalle parti di Piazzetta Cuccia vorrebbero Kairos, di proprietà di Julius Baer, l’unica società formalmente in vendita e che recentemente ha visto l’addio del fondatore Paolo Basilico. Mediobanca deve affrontare la concorrenza di avversari come Natixis, Pictet e alcuni fondi di private equity come Apax Partners, TA Associates e Oaktree Capital Group.

Sempre Repubblica, parla di un’Anima alla ricerca di un partner strategico, che sarebbe stato individuato in Arca. L’advisor McKinsey è stato infatti incaricato per trovare una mission industriale comune.

Azimut, invece, che sta vivendo un boom in Borsa (+85% da inizio anno), per ora rimane da sola. Ma la società del presidente Pietro Giuliani, che ha da poco riconosciuto un dividendo generoso agli azionisti, potrebbe presto attirare l’interesse su di sé.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: è ancora “risk on”. Ecco perchè

Risparmio gestito, Anima: la raccolta cresce ancora

Fondi, Banco Bpm amplia l’offerta di investimenti ESG

NEWSLETTER
Iscriviti
X