Mutui, una montagna di rate non pagate

A
A
A
Avatar di Redazione17 maggio 2019 | 09:45

Con la crisi che fa la voce grossa ormai da anni, onorare pagamenti e scadenze sembra essere diventata una vera e propria chimera. Scadenze del mutuo sulla casa, rate di finanziamento non saldate per tv o auto, bollette di utilities e tlc. Ma non solo.

L’elenco è piuttosto lungo perchè stiamo parlando di una vera e propria una montagna di debiti “dimenticati”, contratti da famiglie e imprese, che nel 2018 ha raggiunto il suo livello record: 82,3 miliardi di euro, con un aumento del 15% circa rispetto ai 71,4 miliardi del 2017. Rintracciarli e recuperarli diventa sempre più difficile, perché circa la metà di essi (il 48%, pari a 39,5 miliardi) sono crediti deteriorati, tra Npl e insoluti di vecchia data. Di questi il 31% riguarda le imprese e il 69% i consumatori.

E’ quanto emerge dal IX Rapporto annuale Unirec – l’Unione nazionale delle imprese a tutela del credito, ripreso da Teleborsa, che rappresenta oltre l’80% del settore – presentato lo scorso 16 maggio, a Roma nel corso del convegno annuale “La gestione del credito 4.0: nuovi scenari normativi e innovazione tecnologica”.

“A partire dal 2015 – commenta il Presidente Francesco Vovk – è iniziata l’accelerazione dei crediti deteriorati che, usciti dal sistema bancario, sono stati intercettati dalle nostre imprese. L’aumento dello stock da recuperare ha avuto un impatto sulla complessità dei processi, che necessitano di tempi di gestione più lunghi da parte delle nostre società: in media 5 o 6 anni con piani di rientro dilazionati rispetto a un massimo di 12 mesi per la gestione dei crediti con anzianità molto recente”.

Come detto, il rapporto mostra una crescita dei crediti affidati del 15,2% nel 2018 rispetto all’anno precedente e un balzo del 70% rispetto al 2014. A conferma della minore qualità del credito è il peggioramento del rapporto tra gli importi affidati e quelli recuperati. Rispetto al totale “solo” 7,8 miliardi (il 10%) vengono rintracciati e incassati, contro il 20% del 2014. Sale anche l’importo medio, che tocca quota 2.126 euro (+4,3% sul 2017).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Ti può anche interessare

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Fidelity International

Intervista a Natale Borra, head of distribution Italia di Fidelity International. ...

Consulenti, Mei saluta Deutsche Bank e guarda oltre

Si conclude il rapporto di collaborazione tra Alfonsino Mei, Consigliere Nazionale Anasf e voce dell ...

BlackRock, i big del risparmio incontrano Fink

Il ceo di Blackrock, Larry Fink è arrivato a Milano due giorni fa per una serie di riunioni a porte ...