Reti, ora la fee è (quasi) una certezza

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi20 maggio 2019 | 10:58

Il 2018 è stato un anno complesso, condizionato dagli alti e bassi dei mercati e dall’ulteriore tendenza alla concentrazione del settore del risparmio gestito, anche in conseguenza della ridefinizione dei modelli e dei perimetri di business di molti gruppi finanziari.

Trend evidente
Anche il 2018, tuttavia, ha confermato l’ormai preponderante importanza delle commissioni ricorrenti rispetto a quelle non ricorrenti. Scorrendo i bilanci approvati dei gruppi quotati di risparmio gestito si nota comunque come a fronte di trend evidenti resti una certa eterogeneità dei risultati legata ai diversi modelli organizzativi e di business. Confrontiamo per esempio il conto economico di Azimut e di Banca Mediolanum. Nel primo caso i ricavi da commissioni ricorrenti aumentano del 3,7% rispetto al 2017 (a oltre 629 milioni di euro) a fronte di un calo di quasi il 50% delle commissioni di collocamento (a 5,4 milioni). Nel secondo caso l’incremento è più modesto (+2% a 998,4 milioni) così come il calo delle commissioni di collocamento (-42% a 44,6 milioni).

 

Mix differente
Per Azimut ormai le commissioni ricorrenti rappresentano circa l’84% dei ricavi, per Banca Mediolanum sono attorno all’81%. Dati simili emergono dai bilanci di FinecoBank e Banca Generali. Il gruppo guidato da Alessandro Foti ha registrato un deciso incremento delle commissioni di gestione (+12,5% a 216 milioni di euro) che sono arrivate a rappresentare oltre il 96% dei ricavi. Nel caso di Banca Generali invece le commissioni di gestione crescono dell’8% (a 633,5 milioni di euro), a fronte di un netto calo delle commissioni di performance (-66,4% a 38,6 milioni) e di un frazionale incremento di quelle di sottoscrizione (+5,9% a 21,6 milioni). Così le prime arrivano a rappresentare l’85% abbondante dei ricavi commissionali, mentre le ultime pesano ormai meno del 3%


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: caccia del Fisco in Svizzera

Non perdete la puntata di oggi di Bluerating News, in diretta su Bfc alle 19.00. Per vedere il tg co ...

Banca Progetto, Osculati nuovo ad

Nel suo nuovo ruolo Gianemilio Osculati guiderà l’ulteriore sviluppo di Banca Progetto facendo le ...

Carige, servono altri 500 milioni

L'istituto ligure avrebbe bisogno di ulteriori capitali per ripulire i suoi bilanci dai crediti in s ...