Azimut: per Giuliani il bello deve arrivare

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 24 Maggio 2019 | 10:01
Il presidente di Azimut, Pietro Giuliani, punta forte sulla sua società in questo 2019: per il manager l’obiettivo dei 300 milioni di utili è alla portata.

“Entro fine anno il valore dell’azione può raddoppiare”. Questa è l’opinione espressa da Pietro Giuliani, il presidente di Azimut, durante un’intervista a MF riguardo la performance della sua società in Borsa, risalita del 60% nel 2019. “A chi ha scommesso contro di noi vendendo allo scoperto dico: il rialzo da inizio anno è solo un decimo della mia vendetta”. Probabilmente, è una stoccata anche a Blackrock e Abaco asset management, che nell’ultimo periodo stanno scommettendo sul ribasso del titolo.

Azimut è salita in rampa di lancio, crescendo fino a 18 euro per azione ad aprile dai 9,5 di inizio anno. Poi la discesa fino agli attuali 15 euro: “C’è stata una buona raccolta netta, almeno 1,8 miliardi, gran parte dei quali all’estero, soprattutto nei mercati emergenti dove abbiamo il 30% del nostro business. I numeri ci danno ragione: 92 milioni di utile netto nel primo trimestre sono un buon in inizio“. Ora l’obiettivo di Azimut è agganciare i 300 milioni di utile: “Il 4 luglio di quest’anno compiamo 15 anni di quotazione e di piani industriali ne abbiamo fatti tre”, prosegue Giuliani, “dei primi due abbiamo centrato tutti gli obiettivi, di questo ci manca solo il traguardo dei 300 milioni, ma i numeri che stiamo facendo ci porteranno lì per inerzia”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, tanti ex di Euromobiliare (e non solo) per la rete

Azimut, la raccolta di marzo ciliegina di un trimestre col turbo

Azimut, l’asset management cresce tra Medio Oriente, Nord Africa e Turchia

NEWSLETTER
Iscriviti
X