Consulenti, i segreti di un giovane talento Widiba

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri28 maggio 2019 | 10:31

Voce squillante, testa piena di idee. Leonardo Nistri (nella foto), 31 anni, è uno dei rari esemplari di consulente che riesce ad abbinare il successo alla giovane età. Almeno se parliamo dell’Italia, dove l’età media della categoria è di 50 anni. “Perché faccio questo lavoro? L’imprinting al mestiere me lo ha dato il film Fight Club, dove si parla di combattimenti, ma anche di mercati finanziari”. Leonardo è uno dei giovani talenti della rete di Widiba, gruppo Mps, e opera nella zona di Firenze. “Non sono un figlio d’arte”, spiega a BLUERATING, “però sono figlio di due avvocati che si occupano di tutela patrimoniale”.

Perché i giovani faticano in questo lavoro?
Tutta una questione di barriere all’ingresso. La prima è commerciale: è difficile che i giovani vengano messi a lavorare su masse preesistenti. Un neo laureato che inizia a fare questo mestiere o ha la fortuna di stringere le mani giuste, o è ricco di famiglia, oppure rischia di fare la fame in attesa che il sistema inizi a pensare a un ricambio generazionale. E, per ora, non ci siamo neanche vicini: nell’era post Mifid 2, il pensiero delle reti è consolidare le masse reclutando i consulenti senior.

Cosa aiuterebbe a favorire l’ingresso dei giovani?
Bisognerebbe prevedere un periodo di formazione di 3-5 anni, nei quali il giovane consulente percepisce un compenso fisso e viene affiancato da un consulente senior che, quando andrà in pensione, gli lascerà poi in gestione le sue masse.

Ci sono altre barriere?
Sì, ed è costituita dalle competenze tecniche. Al giorno d’oggi, è complesso entrare nella professione senza avere alle spalle un solido bagaglio di preparazione.

Che consiglio può dare?
Il vero talento di un consulente è non avere talento: non bisogna fare scommesse o previsioni. Non bisogna sostituirsi ai gestori, ma aiutare i clienti a beneficiare delle occasioni che offre il mercato.

C’è altro?
Un giovane come me, se vuole lavorare, deve fare masse: significa creare contatti, ed è difficile farlo attraverso le telefonate. Meglio concentrare le risorse sui progetti di interscambio con studi legali o uffici commerciali. Per esempio: uno studio legale vuole aprire uno sportello tributario e tu, consulente, lo aiuti a prendere contatto con i clienti. E poi, in futuro, potrai occuparti del welfare aziendale ed entrare in contatto con le linee manageriali. Però ci vuole tempo. Personalmente ho dedicato risorse a un progetto negli ultimi due anni: ebbene, solo di recente sono riuscito ad acquisire un cliente private.

Dove si vede fra 20 anni?
Mi vedo ancora consulente finanziario. Chi fa questo lavoro è difficile che abbia in mente una scalata. Chi nasce consulente muore consulente. Questo perché sei indipendente, sei il capo di te stesso, e l’azienda per cui lavori non è altro che un partner: il consulente è lo chef e la società gli fornisce la cucina e i fornelli.

Cosa vorresti cambiare del mondo della consulenza finanziaria?
Il mio modello di riferimento è quello americano, dove non si nasconde con la relazione la mancanza di competenza. In Italia bisogna cambiare la mentalità dei consulenti, eliminare i conflitti d’interesse, cambiare i rapporti con le case d’investimento e aggiornare le piattaforme di robo advisory, a mio avviso obsolete. E poi c’è il tema della remunerazione: sarebbe auspicabile che i consulenti venissero pagati con parcelle orarie. Si deve pagare il servizio, non il prodotto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti e mutui, ecco i più convenienti

Credem, ora ti aiuta Emily

Enasarco, un Anasf day per parlarne

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

IWBank come il Milan di Sacchi

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

Azimut, impennata degli afflussi

IWBank, give me five

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

ConsulenTia19, i momenti Anasf a Bologna

Ocf, la campagna tutta digitale a misura di consulente

Federpromm: allarme immobiliare per le famiglie

Fee only, più della forma conta la sostanza

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Consulenti: CheBanca! porta i manager nella città dei sassi

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

H2O e Allegro, un fondo dai due volti

Consulenti: tale cliente padre, tale cliente figlio

Consulenti: AcomeA vi spiega la Trade War

Sgr, reti e consulenti sotto la lente della Consob

I consulenti non sanno vendere le small cap

Polizze vita, tra i consulenti vanno a ruba

Consulenti, cresce la minaccia dei robo advisor

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid 2 sotto la lente

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenti, Efpa meeting in rampa di lancio

Consulenti, maggio fa il pieno di fee only

Ti può anche interessare

Esame consulenti, il database dei quesiti si aggiorna

Alcuni cambiamenti ...

Raccolta: a gennaio vince Fideuram ISPB. Mediolanum regina del gestito

In chiusura di 2018 ci eravamo lasciati con Banca Mediolanum regina della raccolta di dicembre e il ...

Scolari (Ascosim): “Ecco quanto costa essere indipendenti”

Il presidente dell’associazione delle società di consulenza finanziari fa una stima precisa dei c ...