Consulenti, i segreti di un giovane talento Widiba

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri28 maggio 2019 | 10:31

Voce squillante, testa piena di idee. Leonardo Nistri (nella foto), 31 anni, è uno dei rari esemplari di consulente che riesce ad abbinare il successo alla giovane età. Almeno se parliamo dell’Italia, dove l’età media della categoria è di 50 anni. “Perché faccio questo lavoro? L’imprinting al mestiere me lo ha dato il film Fight Club, dove si parla di combattimenti, ma anche di mercati finanziari”. Leonardo è uno dei giovani talenti della rete di Widiba, gruppo Mps, e opera nella zona di Firenze. “Non sono un figlio d’arte”, spiega a BLUERATING, “però sono figlio di due avvocati che si occupano di tutela patrimoniale”.

Perché i giovani faticano in questo lavoro?
Tutta una questione di barriere all’ingresso. La prima è commerciale: è difficile che i giovani vengano messi a lavorare su masse preesistenti. Un neo laureato che inizia a fare questo mestiere o ha la fortuna di stringere le mani giuste, o è ricco di famiglia, oppure rischia di fare la fame in attesa che il sistema inizi a pensare a un ricambio generazionale. E, per ora, non ci siamo neanche vicini: nell’era post Mifid 2, il pensiero delle reti è consolidare le masse reclutando i consulenti senior.

Cosa aiuterebbe a favorire l’ingresso dei giovani?
Bisognerebbe prevedere un periodo di formazione di 3-5 anni, nei quali il giovane consulente percepisce un compenso fisso e viene affiancato da un consulente senior che, quando andrà in pensione, gli lascerà poi in gestione le sue masse.

Ci sono altre barriere?
Sì, ed è costituita dalle competenze tecniche. Al giorno d’oggi, è complesso entrare nella professione senza avere alle spalle un solido bagaglio di preparazione.

Che consiglio può dare?
Il vero talento di un consulente è non avere talento: non bisogna fare scommesse o previsioni. Non bisogna sostituirsi ai gestori, ma aiutare i clienti a beneficiare delle occasioni che offre il mercato.

C’è altro?
Un giovane come me, se vuole lavorare, deve fare masse: significa creare contatti, ed è difficile farlo attraverso le telefonate. Meglio concentrare le risorse sui progetti di interscambio con studi legali o uffici commerciali. Per esempio: uno studio legale vuole aprire uno sportello tributario e tu, consulente, lo aiuti a prendere contatto con i clienti. E poi, in futuro, potrai occuparti del welfare aziendale ed entrare in contatto con le linee manageriali. Però ci vuole tempo. Personalmente ho dedicato risorse a un progetto negli ultimi due anni: ebbene, solo di recente sono riuscito ad acquisire un cliente private.

Dove si vede fra 20 anni?
Mi vedo ancora consulente finanziario. Chi fa questo lavoro è difficile che abbia in mente una scalata. Chi nasce consulente muore consulente. Questo perché sei indipendente, sei il capo di te stesso, e l’azienda per cui lavori non è altro che un partner: il consulente è lo chef e la società gli fornisce la cucina e i fornelli.

Cosa vorresti cambiare del mondo della consulenza finanziaria?
Il mio modello di riferimento è quello americano, dove non si nasconde con la relazione la mancanza di competenza. In Italia bisogna cambiare la mentalità dei consulenti, eliminare i conflitti d’interesse, cambiare i rapporti con le case d’investimento e aggiornare le piattaforme di robo advisory, a mio avviso obsolete. E poi c’è il tema della remunerazione: sarebbe auspicabile che i consulenti venissero pagati con parcelle orarie. Si deve pagare il servizio, non il prodotto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, dividersi i clienti è il vostro futuro

Consulenti: perché sono fondamentali nella tempesta

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Fineco, reclutamento doc

Consulenti, tris di radiati a settembre e altre sanzioni

Consulenti, come non essere prigionieri del passato

Bnl Bnp Paraibas LB, 17 volti nuovi per Rebecchi

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Efpa Italia Meeting nella culla del Rinascimento

Lutto in casa Fideuram

Consulenti: BlueAcademy e Teseo, ecco il corso per diventare European Financial Advisor

Consulenti, Enasarco goes social

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Consulenti, incontro romano sulla previdenza con Südtirol Bank

Albo consulenti, assicuratori sotto esame

Fideuram Ispb, svolta con Apple nei pagamenti

Credem a passo di blockchain

Widiba, che cinquina nel reclutamento

IWBank PI, la rete acquista peso

CF Webinar, tornano i certificati dopo la pausa estiva

Assoreti, a luglio raccolta e gestito sorridono ancora

Consulenza, Di Ciommo a tutto campo

Efpa Italia, ecco l’esame integrativo EIP – EFA

Consulenti, ecco la banca del 2029

Poste Italiane a caccia di giovani consulenti

Enasarco e il populismo della protesta

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Consulenti, occhio alle scadenze per Irpef e Irap

Consulenti, fatturare e guadagnare anche dopo la pensione

Credem, le persone prima di tutto

Widiba, una storia aperta

Consulenti e vigilanza, un agosto da bravi ragazzi

Cari consulenti, gli investitori stanno diventando più esigenti

Ti può anche interessare

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Si rileva una reazione tutt’altro che negativa a Piazza Affari per i titoli del comparto del risp ...

CheBanca!, Cioè che reclutamento!

Colpo vincente di CheBanca! che inserisce nella rete dei consulenti finanziari Massimiliano Cioè, ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid, polizze e pir

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...