Consulente, se nasci quadrato puoi morire tondo

A
A
A
Avatar di Redazione31 maggio 2019 | 10:47

A cura di Maria Grazia Rinaldi

Spesso sento dire: “Ma io sono fatto così, se nasci quadrato non puoi morire tondo”. Queste affermazioni sono una grande bugia. Possiamo cambiare, certo che possiamo cambiare. Se può cambiare il nostro cervello figuriamoci quanto sia più facile mutare abitudini e comportamenti. Possiamo cambiare tutto di noi, se lo desideriamo veramente.

Modifiche strutturali
Le scoperte più recenti hanno dimostrato come il pensiero, l’apprendimento e le esperienze di vita siano in grado di apportare addirittura delle modifiche strutturali al cervello agendo direttamente sul funzionamento dei geni. Il cervello con tutte le sue interconnessioni strutturali si modifica durante il corso di tutta la nostra esistenza e la capacità del cervello di modificare la propria struttura in risposta all’esperienza, prende il nome di neuroplasiticità. Passi avanti sono stati effettuati da quando si pensava che il cervello fosse una struttura immutabile. Oggi, invece, con i nostri stessi pensieri arriviamo a modificare la struttura stessa del nostro cervello. Per molti secoli la scienza ufficiale ha sostenuto che i circuiti cerebrali fossero immutabili, cablati fin dalla nascita per produrre in ogni persona esiti non modificabili.

La lezione di Kandel
Tali convinzioni vennero ribaltate dalla scoperta della neuroplasticità, quando il noto neuroscienziato Eric Kandel vinse il premio Nobel per la medicina nel 2000. Lo studioso dimostrò che l’apprendimento può attivare geni in grado di modificare la struttura neurale. A cosa può servirci tutto ciò? A essere consapevoli che possiamo modificare i meccanismi di funzionamento del nostro cervello. Molto, ma molto tempo fa, il nostro cervello aveva la funzione prioritaria di sopravvivere in condizioni difficili, a volte estreme. In quelle condizioni ha imparato ad apprendere da situazioni negative piuttosto che da quelle positive. Tutto questo ha creato in noi, giustamente, paure e timori. Questa abitudine atavica porta il nostro cervello a spostare, ancora oggi, l’attenzione sulle esperienze negative e a farci sprecare spesso l’occasione di approfittare dell’apprendimento legato a quelle positive. Crescita, autostima, risorse nuove sono legate alla codifica di esperienze positive piuttosto che a quelle negative. Pensate a che perdita sia non prestare la giusta attenzione a tutte le volte in cui ci sentiamo amati, tranquilli, capaci, apprezzati. Che spreco! Cosa fare allora? Eccoci arrivare in nostro aiuto, la neuroplasticità. È importante diventare consapevoli delle belle sensazioni, delle belle esperienze, fissiamole nella nostra mente, creiamo nuovi circuiti più costruttivi, insegnamo letteralmente al nostro cervello a gioire e a godersi pienamente il bello di queste esperienze. Innescheremo così nuovi percorsi di pensiero, nuove sinapsi, in modo da sviluppare nuove risorse come: coraggio, motivazione, equilibrio, determinazione, fiducia, chiarezza, consapevolezza.

Percorso consapevole
Non stiamo parlando di pensiero positivo a tutti i costi, non stiamo parlando di far finta che tutto vada bene, non stiamo parlando di cambiamento per forza. Parliamo di consapevolezza, di conoscenza di sé, di capacità di integrare le percezione per arricchirci diventando persone più piene, più capaci di gestire noi stessi e i nostri comportamenti. Come disse il grande psicologo William James: “Una delle più grandi scoperte della mia generazione è che un essere umano può cambiare la propria vita semplicemente cambiando il proprio modo di pensare”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti e mutui, ecco i più convenienti

Credem, ora ti aiuta Emily

Enasarco, un Anasf day per parlarne

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

IWBank come il Milan di Sacchi

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

Azimut, impennata degli afflussi

IWBank, give me five

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

ConsulenTia19, i momenti Anasf a Bologna

Ocf, la campagna tutta digitale a misura di consulente

Federpromm: allarme immobiliare per le famiglie

Fee only, più della forma conta la sostanza

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Consulenti: CheBanca! porta i manager nella città dei sassi

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

H2O e Allegro, un fondo dai due volti

Consulenti: tale cliente padre, tale cliente figlio

Consulenti: AcomeA vi spiega la Trade War

Sgr, reti e consulenti sotto la lente della Consob

I consulenti non sanno vendere le small cap

Polizze vita, tra i consulenti vanno a ruba

Consulenti, cresce la minaccia dei robo advisor

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid 2 sotto la lente

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenti, Efpa meeting in rampa di lancio

Consulenti, maggio fa il pieno di fee only

Ti può anche interessare

Unicredit, parte la sfida per Commerzbank

L'istituto di Piazza Gae Aulenti smentisce le indiscrezioni di Reuters. Sulla tracce di Commerzbank ...

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Flussi netti di 3,1 miliardi nel mese scorso per i network di consulenti finanziari. Cala la raccolt ...

Consulenti, il futuro delle grandi reti a confronto

I big del mercato raccontano la loro visione per il 2019 ...