Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

A
A
A
Alessandro Borghini di Alessandro Borghini31 maggio 2019 | 15:18

Sempre più liquidi a disposizione dei cittadini italiani, i quali fanno ricorso sempre di più a internet per le loro operazioni bancarie. E, ancora una volta, sono dalle regioni del Nord del Paese che arrivano le maggiori richieste di apertura dei conti correnti.

La quota di chi ha utilizzato la rete è infatti salita al nuovo record del 68% del totale, in ulteriore aumento dal 66% registrato nel secondo semestre del 2018

Senza contare il confronto che questi dati hanno rispetto alle quote delle operazioni fatte dai risparmiatori solo tramite filiale (in calo al 5,7% dal 6,1% nel secondo semestre del 2018) e con quelle dichi usa a volta lo sportello e a volte la rete (26,3% contro 27,9%).

Nel frattempo il panorama internazionale è tutt’altro che tranquillo, con la guerra dei dazi Usa-Cina, l’incognita Brexit, e l’incertezza sulla situazione economica interna che stanno spingendo gli italiani a essere più parsimoniosi.

Poco mosso anche il quadro dell’analisi per età, che conferma che la maggioranza di richieste di conti correnti sono arrivate dai risparmiatori compresi nella fascia 26-40 anni (al 46,2% dal 46,8%), seguiti da quelli della fascia 41-55 anni (al 30,7% dal 29,4%). Più indietro le richieste arrivate dai giovani di 18-25 anni (al 7,5% dal 10,5%) e dagli oltre 55 anni (al 15,7% dal 13,3%).

Per quanto riguarda l’operatività allo sportello, è aumentata leggermente rispetto alla pigrizia che ha fin qui caratterizzato il comportamento degli italiani. Se si considera come alta operatività un totale di 150 operazioni l’anno, l’indicatore segna 22,1%, che si confronta con il 21,5% registrato nel secondo semestre del 2018. La media operatività (60 operazioni annue) rappresenta sempre la maggioranza dei correntisti con il 56% (53,6% nella seconda parte dello scorso anno). La bassa operatività (20 operazioni l’anno tra versamenti, prelievi e pagamenti) è scesa invece al 22% dal 24,8%.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Ti può anche interessare

CheBanca! chiude la trimestrale con utili e ricavi in crescita

CheBanca! chiude la trimestrale al 30 settembre con una pioggia di dati positivi. Infatti, nel primo ...

Credem, tesori d’oriente

Una mostra per la collezione della banca ...

M&G, Orsi al timone di comando in Italia e in Grecia

Scelta di continuità dopo la fuoriuscita di Astolfi ...