Consulenti, la resa dei piccoli portafoglisti

A
A
A
Avatar di Redazione4 giugno 2019 | 13:00
Ha sicuramente fatto discutere la lettera contenuta nell’articolo Consulenti rassegnatevi: conta solo il portafoglio. A tal proposito un altro nostro lettore (che preferisce rimanere anonimo) ha voluto esprimere il suo punto di vista sulla problematica evidenziata dal collega, evidenziando le poche prospettive professionali future di chi non punta a crescere con le masse…perchè non guardare (anche) all’aumento del portafoglio potrebbe rivelarsi come una “resa” sulle proprie ambizioni.
Buongiorno,
sono un Consulente Finanziario senza mansioni manageriali.
Sì è vero il portafoglio conta per un fatto commerciale ( bonus di ingresso e grado provvigionale) che, di conseguenza, è la cartina di tornasole  in quanto a professionalità, credibilità e capacità imprenditoriale del CF.
Ovvio che le società del settore guardino con attenzione al mix sopra citato.
Sono in questo mercato da oltre trent’anni, ho operato per diverse Società e dando seguito all’articolo del collega, che in alcuni rimbrotti condivido, mi fa piacere dire la mia, spero, in maniera costruttiva.
Preparazione professionale e assistenza al cliente fanno parte del bagaglio del nostro mestiere, doverose in difesa del cliente in annate come quella passata che non devono però generare alibi… mi manca il dato del suo portafoglio che , dopo cinque anni di attività, spero sia comunque vicino a quei dieci milioni che la sua Società gli chiede;ma non è solo una necessità societaria, ritengo che un portafoglio dignitoso sia intorno ai venti milioni.
Manca anche la Sua storia, come è arrivato a fare questa scelta e se chi lo ha contattato gli ha dato tutte le notizie e assistenza del caso, spero di sì.
D’altro canto la nostra professione prevede, oltre preparazione e assistenza, anche una crescita delle masse, come la necessità di bere e mangiare dalla quale non si può prescindere,questo è il mestiere, sempre nel massimo rispetto del cliente.
Mifid 2, potrebbe impattare negativamente sui portafogli dei CF? se si, a maggior ragione bisogna moltiplicare le forze, anche con l’assistenza da parte delle strutture manageriali .
Farsi delle domande del tipo:
quanto tempo dedico alla mia attività complessiva?
che iniziative andate a buon fine ho preso?
riesco a farmi riconoscere per il ruolo che ricopro?
dove ho sbagliato?
E le società?
Devono avere attenzione alle entrate provvigionali  dei  CF e della loro propensione alla crescita al fine di evitare rischiose cadute di immagine e altri rischi Consob.
Le società non devono trascurare la giusta meritocrazia.
Come già detto in  questi trent’anni di professione ho operato in più società. Parlando delle piccole nelle quali ho operato  è più facile essere considerati anche con piccoli portafogli, magari vincere il viaggetto con più facilità e forse essere meglio pagati… ma nella piccola è tutto in proporzione …piccolo.
Ma le piccole vogliono diventare grandi e secondo voi il portafoglio non dovrà contare di più? …   pedalare di qua e di là….
Nelle grandi trovi solidità , l’asticella del portafoglio è più alta, nel loro dna alberga  una spiccata propensione alla sfida commerciale, fatta di strutture all’altezza e fabbrica prodotti adeguata al CF e al Cliente e all’avanguardia, e perché no, una maggiore sicurezza per il cliente inserito in strutture più solide.
Ritengo che il brand sia di grande aiuto ai CF.
Mi sono dilungato anche troppo, il mio è complessivamente un invito alla riflessione non dimenticando che il nostro è un gran bel mestiere, per renderlo vincente ci vuole tanta passione, voglia e un sogno nel cassetto da realizzare.
Un saluto a tutti i colleghi.

2 commenti

  • Avatar Daniele says:

    Già che questa lettera inizi con “sono un Consulente Finanziario senza mansioni manageriali” vuol dire che l’ha scritta un Manager. Quelli che, nella maggior parte dei casi, si fregano il 10% e più della fattura del consulente senza far nulla e senza dare valore aggiunto all’attività dei colleghi.

  • Avatar Viins Black says:

    Il tizio è serio nella sua missiva? È quantomai lapalissiano che è un manager che scrive seduto sul suo scranno.

ARTICOLI CORRELATI

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Ti può anche interessare

Bankitalia, Visco: pmi soffocate

Per Ignazio Visco il solo credito bancario non sarà sufficiente a sostenere "la crescita degli inve ...

Efpa Meeting 2019, in scena i big delle reti

Giornata conclusiva a Torino per la convention dell’associazionne dei financial planner, con inter ...

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Le parole della guida di Ubi Banca ...