Azimut, inizia la svolta sulle fee

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Giugno 2019 | 15:42
All’Investor day di Londra, il presidente Pietro Giuliani ha confermato l’obiettivo dell’utile a 300 milioni e presentato il suo nuovo dream team.

Una nuova metodologia di calcolo delle commissioni di performance. E’ una delle novità già anticipate e confermate durante l’Investor Day di Azimut, che si è tenuto martedì a Londra. Il gruppo, infatti, ha già sottoposto all’autorità di vigilanza lussemburghese una nuova metodologia di calcolo delle commissioni variabili sui fondi lussemburghesi, che produrrà una riduzione dei costi variabili per i clienti, in linea con quanto indicato dai principi IOSCO, oltre a modificare il conto economico della società rendendolo meno volatile e collegato alle masse in gestione. Il presidente Pietro Giuliani ha inoltre presentato presentato alla comunità finanziaria il nuovo management team, scelto per affrontare al meglio le grandi trasformazioni che l’industria del risparmio gestito sta attraversando. Infine, il manager e fondatore di Azimut ha ribadito di poter superare i € 300 milioni di utile netto nel 2019, target previsto dall’attuale business plan. “Trecento milioni di euro di utile netto 5 anni fa sembravano sfidanti”, ha detto lo stesso Giuliani,  “oggi sono una base su cui costruire. Azimut, che da sempre, grazie alla sua indipendenza e alla sua capacità di innovazione, è stata first mover nel mercato, oggi si vede rafforzata dalle scelte fatte per diversificare rispetto al maturo mercato italiano: paesi emergenti e investimenti alternativi. Due pilastri del nuovo piano industriale che presto presenteremo al mercato”.

Data la crescente importanza del business all’estero e nei mercati emergenti, dove oggi Azimut detiene quasi il 30% delle masse gestite e dispone di uffici operativi“around the clock” che permettono di operare in loco su tutti i mercati finanziari senza interruzioni di fuso orario, sono stati comunicati in dettaglio i risultati e la marginalità delle masse estere, che nel 2018 hanno raggiunto circa 120 milioni di euro di ricavi (+27% rispetto al 2017) su un totale di gruppo di intorno ai 748 milioni e 35 milioni di Ebitda (margine operativo lordo).

Con uno sguardo al 2024 e in attesa del prossimo piano industriale che sarà presentato al mercato entro i prossimi 12 mesi, il nuovo management team ha illustrato la strategia di crescita nel settore degli investimenti alternativi, sempre più interessanti nel quadro economico-finanziario attuale, con il ruolo della iniziativa Azimut Libera Impresa, focalizzata negli investimenti in imprese non quotate: in base alle previsioni della società, questo settore entro 5 anni peserà non meno del 15% delle masse gestite dal Gruppo Azimut. Il team di Azimut Libera Impresa sta già lavorando a 7 nuovi prodotti e punta a raggiungere il target di 1,5 miliardi di euro di masse entro la fine del 2020.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

Fineco e Azimut, le reti più scalabili

Azimut pesca un asso nel Private

Reti e consulenti, dopo la fase 1 è arrivato il momento delle pagelle

Azimut, la corporate advisory per consulenti e imprese

Azimut, la raccolta prosegue positiva anche a maggio

Azimut, l’alternativo al passo con le start up

Azimut: tra religione ed elicotteri, le domande impossibili a Giuliani

Azimut, un nuovo successo per il corporate finance

Azimut e gli Escalona, quando la consulenza è una tradizione di famiglia

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Azimut, una mossa per la crescita sociale

Reti, dopo il Covid-19: Azimut, la coscienza sostenibile

Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

Giuliani (Azimut): niente paura per l’utile

Consulenti, ecco i fondi delle reti che possono aiutare l’Italia

Azimut, dove investono i suoi clienti

Azimut, la raccolta regge anche ad aprile

Azimut, arrivano dividendo, buy-back e whitewash

Azimut, accelerata sul fintech

Azimut, Giuliani e soci pronti all’azione

Azimut, a marzo raccolta in positivo e ok al dividendo

Azimut, quando il consulente ti trova la mascherina

Ti può anche interessare

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Il settore bancario continua a tremare. Dopo le recenti dichiarazioni sui prossimi tagli di Unicredi ...

Coronavirus, anche Re Dalio soffre

Il capo di Bridgewater ammette su LinkedIn: i miei hedge fund stanno perdendo. “Ma nelle crisi abb ...

Banche e rinuncia ai bonus, Sileoni attacca Mustier

Il segretario della Fabi chiede spiegazioni al ceo di Unicredit in merito all'annunciata decisione d ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X