Truffa diamanti, arrivano altri sequestri

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 27 Giugno 2019 | 10:17

Scatta un sequestro di 3,4 milioni di euro tra contanti, titoli e altri strumenti finanziari a carico degli eredi di Claudio Giacobazzi, che era amministratore delegato della Intermarket diamond business (Idb), una delle società coinvolte nell’inchiesta sulla presunta truffa dei diamanti venduti a prezzi gonfiati agli sportelli di cinque banche italiane (Mps, Unicredit, Banco Bpm, Banca Aletti, Intesa Sanpaolo). A scriverlo è Il Sole 24 Ore, il quale spiega che Giacobazzi, trovato morto in un hotel di Reggio Emilia lo scorso maggio, è al centro di un’altra inchiesta della procura di Milano per circonvenzione di incapace ai danni di Antinea Massetti De Rico, fondatrice di Idb.

La donna, morta nel 2017, era rimasta coinvolta in un incidente nel 2011 che l’aveva ridotta in stato vegetativo. Secondo la Procura, Giacobazzi, nominato amministratore di sostegno dal Tribunale, avrebbe approfittato della situazione per appropriarsi della società. Ed è in considerazione di questa indagine che il Tribunale di Milano ha incaricato la Guardia di Finanza di eseguire i decreti di sequestro. Giacobazzi, infatti, rivestiva la carica di amministratore di sostegno, ed essendo un pubblico ufficiale i suoi beni sono stati giudicati aggredibili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Truffa Diamanti, la carica dei 105 nel mirino della Procura

Truffe: dopo i diamanti, arriva il “Diamante”

Truffa diamanti, nuovi sequestri per 34 mln

NEWSLETTER
Iscriviti
X