Consulente, ecco cosa fare vedere al cliente che ha paura della recessione

A
A
A
Avatar di Redazione27 giugno 2019 | 10:57

Quante volte vi siete trovati di fronte a un cliente spaventato per i possibili timori di recessione? Bluerating come sempre pensa a voi e vuole proporvi un utile analisi che possa fungere da “calmante” per timori di questo tipo. A fornirla è direttamente il Team Multi-Asset di M&G Investments analizza in 3 grafici le paure di recessione degli investitori: in quali momenti, nella storia dei mercati, hanno maggiormente mostrato motivi di preoccupazione? In quali occasioni queste paure sono risultate fondate? Il Team risponde a questi quesiti e si concentra in particolare sulle attuali ansie per la crescita, come dimostra anche la forte ricorrenza del termine nelle notizie. Secondo la loro analisi, la domanda che dobbiamo farci non è se ci sarà davvero una recessione, ma piuttosto quanto è preoccupato il mercato e perché.

Buona lettura.

Forse avrete già visto grafici come quello qui sotto, secondo cui gli investitori e gli osservatori di mercato si preoccupano più del dovuto:


Di sicuro è stato questo il caso per gran parte della nostra esperienza negli investimenti (dal 2007). In seguito alla crisi finanziaria, più o meno ogni anno c’è stato qualcosa che ha “intorbidito” i mercati, generato volatilità e, molto spesso, creato opportunità per gli investitori con un orizzonte temporale più lungo.

In realtà, a dispetto di tutta la paura connessa a questi eventi, sono in tanti con la memoria corta e un senno di poi impeccabile a guardare indietro a questo periodo considerandolo un’epoca di “soldi facili“, in cui bastava semplicemente comprare approfittando dei cali, anche se ad essere più richieste in quella fase sono state le strategie di investimento che cercavano a tutti i costi di evitare la volatilità e schivare la correlazione con le azioni.

Tuttavia, per quanto la scelta di ignorare i timori di mercato si sia rivelata quella giusta nella storia recente, non è detto che vada sempre così. La crisi finanziaria del 2007 ha dimostrato che talvolta le cose possono andare molto male e può volerci molto tempo per recuperare le perdite sui mercati azionari, soprattutto nelle fasi concomitanti e vicine a periodi di recessione.


Certo, questi momenti di perdite sostenute non riguardano soltanto le azioni: un investitore che ha acquistato bund tedeschi a luglio del 2016 sarà andato pari solo a maggio di quest’anno.

Effettivamente, però, sembra che i timori di recessione occupino ampio spazio nella psiche collettiva, soprattutto oggi che la ricorrenza del termine nei discorsi è tornata a livelli simili a quelli dei primi mesi del 2016.


La curva dei rendimenti invertita, l’inasprimento degli attriti commerciali, i timori di una Brexit dura e i dati macro più deboli sono tutti elementi che hanno accentuato le ansie per la crescita, come testimoniato (o forse intensificato) dalle flessioni delle azioni e dai rally dei titoli governativi che abbiamo visto il mese scorso in tutto il mondo.

Come dovrebbero reagire gli investitori a tutto questo? È giusto ignorare la paura e considerare il calo recente come un’opportunità, oppure è un’altra occasione in cui il mercato ha avuto ragione ad avere paura?

Una realtà scomoda

Per la maggior parte di noi è saggio ammettere che non siamo in grado di prevedere le recessioni. Ci provano in molti, incluse le risorse collettive delle banche centrali mondiali e di organizzazioni come l’FMI, e quasi tutti falliscono.

La domanda che dobbiamo farci non è se a nostro avviso ci sarà una recessione oppure no, ma piuttosto quanto è preoccupato il mercato e perché. Dopo tutto, è possibile (in teoria) che un mercato azionario sia così scontato che persino se dovesse concretizzarsi davvero una recessione, si riuscirebbe comunque a generare risultati positivi, purché le aspettative precedenti fossero sufficientemente scoraggianti.

Oggi quasi tutti i mercati azionari sono meno attraenti di quanto siano stati per gran parte del periodo post-crisi e anzi, molti lo sono addirittura meno rispetto alla fase seguita all’episodio di dicembre. Ma il mercato sta snobbando i rischi? A giudicare dalla natura dei commenti si direbbe di no, e lo stesso vale per il comportamento dei prezzi che abbiamo appena visto e i rendimenti negativi sui bund.

Dobbiamo anche riflettere con onestà sulle nostre emozioni. Potremmo fare un lungo elenco delle sfide per la crescita, mentre i fattori in grado di innescare un miglioramento sono pochi, ammesso che ce ne siano.

Tuttavia, la realtà è che dobbiamo essere onesti con noi stessi e considerare questo disagio come uno dei motivi principali per cui potremmo riuscire a battere il mercato. La performance robusta dei mercati azionari dai tempi della crisi finanziaria è derivata in larga misura proprio dal fatto che la maggior parte di noi temeva molto un nuovo 2008 e, di conseguenza, ha preteso una buona remunerazione per assumere quel rischio.

Molti dicono di avere un orizzonte temporale lungo e la convinzione che un atteggiamento contrarian crei opportunità, ma sono i periodi come quello attuale che ci sfidano a dimostrare se è davvero così.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Come trasformare un bancario in un consulente

Consulenti, i consigli di Carmignac per il portafoglio 2020

Se il consulente diventa una serie tv

Consulenti e bancari: fate attenzione a cambiare società

Consulente, 6 trend che sconvolgeranno il tuo portafoglio

Allianz Bank FA, gestito e unit linked fanno bella la raccolta

Consulente, un bravo surfista che lavora in team

Consulente, quando il portafoglio ha l’immunità

Consulente, ecco come diventare un perfetto professionista digitale

Consulente: stay hungry, stay foolish

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Il grande sacrificio del consulente

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Cofip, ecco il congresso nazionale consulenza finanziaria professionale

Consulente: se il cliente non ti vuole, io so il perchè

Il consulente incompetente

Consulente in crisi con l’obbligazionario: la soluzione c’è

Consulente: 5 chiavi per gestire i “no” del cliente

Oggi su BLUERATING NEWS: raccolta pir, Azimut in ascesa

BFC Education – BlueAdvisor: La pianificazione finanziaria per gli investitori

Il “buy” del consulente – 08/10/18, da Anima Holding a Wiit

Il “buy” del consulente – 05/10/18, da BasicNet a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 28/09/18, da Autogrill a Tecnoinvestimenti

Il “buy” del consulente – 25/09/18, da Banca Sistema a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 24/09/18, da Banca Ifis a Notorious Pictures

Il “buy” del consulente – 6/09/18, da A2a a Telecom Italia

Il “buy” del consulente – 5/09/18, da Elica a Unicredit

Il portafoglio per il consulente in vacanza

Consulente: non pensare al gessato, scegli di essere umano

Irregolarità con i clienti, radiato ex Fineco

ConsulenTia18/Lenti (IW Bank PI): “Consulenti, non svendetevi”

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: il tesoro di Doris

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Consulenti, ecco la banca del 2029

“Dobbiamo immaginare la banca del 2029, consapevoli di poter sbagliare ma pronti a correggere ...

Azimut, maxi prestito da 500 milioni di euro

Azimut Holding lancia un bond da 500 milioni di euro per finanziare investimenti, operazioni straord ...