Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

A
A
A
Avatar di Redazione12 luglio 2019 | 17:37

L’Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Giurisprudenza, e Azimut Capital Management concludono la seconda edizione del Master di II Livello in Italia dedicato interamente alle tematiche del “passaggio generazionale”. Al centro degli approfondimenti, le criticità correlate al trasferimento di competenze all’interno delle aziende dove – emerge dalle statistiche – solo una su tre sopravvive al passaggio dalla prima alla seconda generazione.

Presenti, questa mattina, all’incontro di consegna delle 27 pergamene del Master in “Governance del patrimonio e passaggio generazionale”, nella Sala delle Candelabre (Palazzo Calini ai Fiumi – Via San Faustino 41/Via delle Battaglie, 58), il Magnifico Rettore, prof. Maurizio Tira, il Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, prof. Antonio Saccoccio; i componenti del comitato scientifico: il prof. Fabio Addis, Ordinario di Diritto privato dell’Università degli Studi di Brescia; il prof. Arnaldo Canziani, Ordinario di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Brescia; il prof. Giuseppe Corasaniti, Ordinario di Diritto tributario dell’Università degli Studi di Brescia e coordinatore del Master; il dott. Paolo Martini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding Spa; il dott. Michele Muscolo, Amministratore Delegato di Fidartis; il prof. Alberto Sciumè, Ordinario di Storia del diritto medievale e moderno dell’Università degli Studi di Brescia. Il Dipartimento di Giurisprudenza accoglie infine un ospite d’eccezione: l’imprenditore e Cavaliere del Lavoro, Giovanni Rana, che potrà testimoniare la sua esperienza di sinergia generazionale realizzata con straordinario successo grazie al figlio Gian Luca Rana.

Profondamente rivisitata nei contenuti e nel modello di preparazione accademica, la seconda edizione del Master si è concentrata sull’analisi dettagliata anche della legislazione dedicata ai beni culturali e dell’affidamento fiduciario delle opere d’arte, temi di grande attualità. Ampio spazio è stato riservato alle operazioni straordinarie, con approfondimenti sui profili fiscali rilevanti ai fini del passaggio generazionale, sul welfare aziendale e sul mondo delle piccole-medie imprese, dalle diverse modalità di finanziamento alla quotazione in Borsa. Dedicato ai professionisti dell’ambito economico-finanziario e giuridico, il Master ha privilegiato la formazione di una figura professionale specializzata capace di fornire consulenza qualificata nelle tematiche legate alla gestione e al trasferimento dei patrimoni attraverso l’acquisizione di competenze procedurali, giuridiche, tecniche e strumentali delle soluzioni a disposizione.

Il Master sulle normative civilistiche e fiscali ha avuto una durata biennale (dal 12 Gennaio 2018 al 25 maggio 2019), strutturato in formula week-end (venerdì e sabato mattina dalle 9,00 alle 13,00 e venerdì pomeriggio dalle 14,30 alle 18,00), presso la sede del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Brescia, a Palazzo Calini. Il Master è stato frequentato da figure con spiccate competenze provenienti principalmente dal mondo della consulenza finanziaria e da professionisti, che hanno superato brillantemente gli esami, in diversi casi anche con la lode.

“Con la conclusione della seconda edizione del Master di secondo livello sulla governance del patrimonio e del passaggio generazionale – commenta il prof. Giuseppe Corasaniti – il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Brescia ha inteso proporre un nuovo modello di preparazione accademica orientata alla creazione di una figura professionale specializzata, in grado di svolgere una qualificata attività di consulenza nelle tematiche legate alla gestione e al trasferimento dei patrimoni sia inter vivos sia mortis causa, proponendo le soluzioni più appropriate alle esigenze degli interessati. Tra i punti di forza del Master l’accesso ad una serie di approfondimenti giuridico-finanziari, sulla base dell’evoluzione normativa, di ausilio nella tutela della sfera imprenditoriale. Saranno organizzati corsi di aggiornamento in wealth management , con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza, per continuare ad approfondire le tematiche legate al passaggio generazionale”.

“Occorre sviluppare competenze professionali per affrontare al meglio il delicato tema della successione nelle imprese” – spiega Paolo Martini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding Spa – “e il passaggio generazionale sarà uno degli argomenti principali che porteremo all’attenzione dei 10 mila imprenditori che parteciperanno all’evento Azimut Libera Impresa Expo organizzato il 29 e 30 ottobre a Milano Rho Fiera. Siamo molto soddisfatti nell’aver sostenuto e promosso questa importante iniziativa formativa che ha coinvolto i massimi esperti scientifici e professionali del passaggio generazionale. Il valore aggiunto di una formazione specializzata, come quella di questo master, ci permette di consigliare al meglio le famiglie e le imprese nelle problematiche giuridiche, fiscali e tecniche che caratterizzano il trasferimento di ricchezza da una generazione all’altra. A tutti i corsisti e ai docenti del Master vanno i miei migliori complimenti per l’impegno e la preparazione acquisita e all’Università di Brescia un sincero ringraziamento per la costruttiva collaborazione”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Reclutamenti, Azimut spinge sul Triveneto

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Azimut, impennata degli afflussi

Reti, quando il private equity diventa retail

Azimut mette nel mirino Banca Generali

Azimut si mette in mostra all’ombra del Vesuvio

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Azimut, largo alle donne nella rete

Azimut, alleanza con Passera

Azimut: raccolta sopra i 2 miliardi e un nuovo acquisto

Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

Azimut: Giuliani si gode la sua rivincita

Azimut, la domanda senza risposta

Azimut, inizia la svolta sulle fee

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Azimut, faro su Londra

Consulenti, Mei saluta Deutsche Bank e guarda oltre

Intesa e Azimut, stretta di mano per i servizi ai cf

Azimut: per Giuliani il bello deve arrivare

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Azimut, vincenti perché indipendenti

Azimut fa compagnia a Gasperini

Azimut, impennata di utili e ricavi

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Azimut, Fineco e Banca Generali: le sorelle dalla super crescita

Azimut, sarà una trimestrale da sogno

Consulenti, così si lavora in Azimut

Caccia grossa nel risparmio gestito

Azimut, un’Idra a 5 teste

Ti può anche interessare

Copernico, quotazione sull’onda di Mifid 2

Copernico Sim ha iniziato l’iter di collocamento sull’Aim, il mercato azionario di Borsa ...

Chi è Marco Marazia, il nuovo timoniere di Widiba

Bocconiano, ha iniziato la carriera alla fine degli anni ’90 in Caboto, per poi continuare in Inte ...

Truffa diamanti: quanti regali ai dirigenti delle banche

Reperti archeologici e lussuosi soggiorni nei centri benessere. Sarebbero stati questi i regali elar ...