Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

A
A
A
Avatar di Redazione 12 Luglio 2019 | 17:37

L’Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Giurisprudenza, e Azimut Capital Management concludono la seconda edizione del Master di II Livello in Italia dedicato interamente alle tematiche del “passaggio generazionale”. Al centro degli approfondimenti, le criticità correlate al trasferimento di competenze all’interno delle aziende dove – emerge dalle statistiche – solo una su tre sopravvive al passaggio dalla prima alla seconda generazione.

Presenti, questa mattina, all’incontro di consegna delle 27 pergamene del Master in “Governance del patrimonio e passaggio generazionale”, nella Sala delle Candelabre (Palazzo Calini ai Fiumi – Via San Faustino 41/Via delle Battaglie, 58), il Magnifico Rettore, prof. Maurizio Tira, il Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, prof. Antonio Saccoccio; i componenti del comitato scientifico: il prof. Fabio Addis, Ordinario di Diritto privato dell’Università degli Studi di Brescia; il prof. Arnaldo Canziani, Ordinario di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Brescia; il prof. Giuseppe Corasaniti, Ordinario di Diritto tributario dell’Università degli Studi di Brescia e coordinatore del Master; il dott. Paolo Martini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding Spa; il dott. Michele Muscolo, Amministratore Delegato di Fidartis; il prof. Alberto Sciumè, Ordinario di Storia del diritto medievale e moderno dell’Università degli Studi di Brescia. Il Dipartimento di Giurisprudenza accoglie infine un ospite d’eccezione: l’imprenditore e Cavaliere del Lavoro, Giovanni Rana, che potrà testimoniare la sua esperienza di sinergia generazionale realizzata con straordinario successo grazie al figlio Gian Luca Rana.

Profondamente rivisitata nei contenuti e nel modello di preparazione accademica, la seconda edizione del Master si è concentrata sull’analisi dettagliata anche della legislazione dedicata ai beni culturali e dell’affidamento fiduciario delle opere d’arte, temi di grande attualità. Ampio spazio è stato riservato alle operazioni straordinarie, con approfondimenti sui profili fiscali rilevanti ai fini del passaggio generazionale, sul welfare aziendale e sul mondo delle piccole-medie imprese, dalle diverse modalità di finanziamento alla quotazione in Borsa. Dedicato ai professionisti dell’ambito economico-finanziario e giuridico, il Master ha privilegiato la formazione di una figura professionale specializzata capace di fornire consulenza qualificata nelle tematiche legate alla gestione e al trasferimento dei patrimoni attraverso l’acquisizione di competenze procedurali, giuridiche, tecniche e strumentali delle soluzioni a disposizione.

Il Master sulle normative civilistiche e fiscali ha avuto una durata biennale (dal 12 Gennaio 2018 al 25 maggio 2019), strutturato in formula week-end (venerdì e sabato mattina dalle 9,00 alle 13,00 e venerdì pomeriggio dalle 14,30 alle 18,00), presso la sede del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Brescia, a Palazzo Calini. Il Master è stato frequentato da figure con spiccate competenze provenienti principalmente dal mondo della consulenza finanziaria e da professionisti, che hanno superato brillantemente gli esami, in diversi casi anche con la lode.

“Con la conclusione della seconda edizione del Master di secondo livello sulla governance del patrimonio e del passaggio generazionale – commenta il prof. Giuseppe Corasaniti – il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Brescia ha inteso proporre un nuovo modello di preparazione accademica orientata alla creazione di una figura professionale specializzata, in grado di svolgere una qualificata attività di consulenza nelle tematiche legate alla gestione e al trasferimento dei patrimoni sia inter vivos sia mortis causa, proponendo le soluzioni più appropriate alle esigenze degli interessati. Tra i punti di forza del Master l’accesso ad una serie di approfondimenti giuridico-finanziari, sulla base dell’evoluzione normativa, di ausilio nella tutela della sfera imprenditoriale. Saranno organizzati corsi di aggiornamento in wealth management , con il patrocinio del Dipartimento di Giurisprudenza, per continuare ad approfondire le tematiche legate al passaggio generazionale”.

“Occorre sviluppare competenze professionali per affrontare al meglio il delicato tema della successione nelle imprese” – spiega Paolo Martini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding Spa – “e il passaggio generazionale sarà uno degli argomenti principali che porteremo all’attenzione dei 10 mila imprenditori che parteciperanno all’evento Azimut Libera Impresa Expo organizzato il 29 e 30 ottobre a Milano Rho Fiera. Siamo molto soddisfatti nell’aver sostenuto e promosso questa importante iniziativa formativa che ha coinvolto i massimi esperti scientifici e professionali del passaggio generazionale. Il valore aggiunto di una formazione specializzata, come quella di questo master, ci permette di consigliare al meglio le famiglie e le imprese nelle problematiche giuridiche, fiscali e tecniche che caratterizzano il trasferimento di ricchezza da una generazione all’altra. A tutti i corsisti e ai docenti del Master vanno i miei migliori complimenti per l’impegno e la preparazione acquisita e all’Università di Brescia un sincero ringraziamento per la costruttiva collaborazione”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut: tra religione ed elicotteri, le domande impossibili a Giuliani

Azimut, un nuovo successo per il corporate finance

Azimut e gli Escalona, quando la consulenza è una tradizione di famiglia

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Azimut, una mossa per la crescita sociale

Reti, dopo il Covid-19: Azimut, la coscienza sostenibile

Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

Giuliani (Azimut): niente paura per l’utile

Consulenti, ecco i fondi delle reti che possono aiutare l’Italia

Azimut, dove investono i suoi clienti

Azimut, la raccolta regge anche ad aprile

Azimut, arrivano dividendo, buy-back e whitewash

Azimut, accelerata sul fintech

Azimut, Giuliani e soci pronti all’azione

Azimut, a marzo raccolta in positivo e ok al dividendo

Azimut, quando il consulente ti trova la mascherina

Azimut, i compensi ai top manager

Azimut lancia un nuovo strumento per aiutare le attività commerciali

Azimut sempre più in prima linea contro il Coronavirus

Azimut, il Coronavirus non ferma Timone Fiduciaria

Reti, basta slogan. La verità messa a nudo sui giovani consulenti

Coronavirus, un virus per le reti

Doris, Giuliani e Foti: i big delle reti contro le paure di cf e clienti

Azimut, utile record e obiettivi per ora confermati

Azimut, anche per Bufi ci vuole consulenza

Azimut, la lode al consulente nell’emergenza di Paolo Martini

Azimut, tutti i numeri del patto di sindacato

Banche e reti, il duro bilancio di Borsa del Coronavirus

Azimut acquista 50 milioni di Azimut

Consulenti, anche le reti soffrono il Coronavirus

Azimut, Giuliani rivendica il valore della società

Azimut, Timone Fiduciaria riduce la quota

Consulenti, il private asset diventa democratico

Ti può anche interessare

IWBank, colpo grosso in Widiba

IWBank compie un importante passo di rafforzamento in Friuli Venezia Giulia con il reclutamento di E ...

Quando il consulente ti salva la vita

Di solito quando pensiamo alla figura del consulente finanziario la associamo a quella del paladino ...

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Diciamocelo senza troppe ipocrisie. In Italia probabilmente non si è fatto ancora abbastanza per l ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X