CheBanca!, il bilancio ringrazia (anche) i consulenti

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Luglio 2019 | 13:59

E’ sicuramente “una buona annata” quella riferibile all’esercizio 2018/2019 di CheBanca! La società del gruppo Mediobanca ha infatti chiuso l’esercizio 2018-2019 con un utile netto in crescita del 13,7% a 31,5 milioni di euro. Il risultato operativo si attesta a 47,1 milioni di euro, in aumento del 15,7% rispetto ai 40,7 milioni dell’esercizio 2017-2018. I ricavi sono saliti dell’1,6% a 297,1 milioni di euro, grazie in particolare alle commissioni (+7,5% a 85,7 milioni) controbilanciando la lieve riduzione del margine di interesse generata principalmente dall’incremento del costo della raccolta a seguito delle promo sul conto deposito.

La società cresce nella gestione dei risparmi come dimostrato dall’incremento delle masse del 12% a €25,4mld della raccolta netta, in accelerazione nel semestre.

La banca è stata in grado di attrarre oltre 90 mila nuovi clienti raccogliendo 2,6 miliardi di risparmi, con una particolare incidenza della raccolta gestita (a €7,7mld, +22% a/a) e amministrata (a €2,6mld, +24% a/a). In crescita anche la raccolta diretta (+€0.8mld), in particolare nella componente transazionale più fidelizzante di conti correnti, e anche gli impieghi, con una qualità dell’attivo su ottimi livelli.

L’incremento delle masse vede un equilibrato apporto dei principali canali distributivi: la rete proprietaria (con €22,2mld di masse, di cui €8,3mld di AUM/AUA) e la rete dei consulenti finanziari (con €3,1mld, di cui €2mld di AUM/AUA), che dimostrano quindi una produttiva sinergia di intenti.

L’attività di relazione, comunica CheBanca!, è sempre più focalizzata sulla consulenza, supportata da importanti investimenti in formazione e certificazione degli advisor, evoluzione delle piattaforme di CRM e rafforzamento digitale dei processi, con quasi il 60% delle firme per operazioni dispositive dei clienti eseguite in filiale mediante firma digitale.

A ribadire l’importanza della rete è anche l’intervista odierna apparsa su La Repubblica di Duccio Marconi, direttore centrale consulenti finanziari CheBanca!, dove il manager punta forte sull’innovazione come motore di crescita “L’innovazione sarà una leva importante per la crescita futura: entro il 2020 rilasceremo la nuova piattaforma di consulenza evoluta per la gestione dei bisogni più sofisticati come l’immobiliare, l’account aggregation e la pianificazione successoria. La ricerca di livelli qualitativi di servizio sempre più elevati sarà anche tra le fisiologiche conseguenze della maggiore trasparenza dei costi, ma solo le reti più organizzate sapranno garantire qualità e convenienza”.

A margine dei risultati sono arrivate infine le parole di GianLuca Sichel, Amministratore Delegato della società:

“Siamo soddisfatti del percorso di crescita di CheBanca! nell’esercizio 2018/19, che è stato caratterizzato, malgrado il recupero dei mercati, dal permanere di una forte cautela da parte dei clienti nelle decisioni di investimento. La banca è stata in grado di attrarre oltre 90 mila nuovi clienti raccogliendo 2,6 miliardi di risparmi, grazie alla qualità della relazione, al continuo potenziamento digitale, delle reti distributive e all’innovazione di prodotti e servizi. Continuiamo nel nostro impegno per migliorare giorno per giorno il rapporto con i clienti, immedesimandoci nei loro bisogni, offrendo una modalità di interazione innovativa e semplice, coniugata con un’offerta completa e conveniente.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mediobanca, trimestre in forma e wealth management in ascesa

CheBanca!, Marconi schiera un nuovo 11 per la consulenza

CheBanca!, una trimestrale a tutto gas

NEWSLETTER
Iscriviti
X