Poste, la rete distributiva spinge il gestito

A
A
A
Avatar di Redazione31 luglio 2019 | 09:59

Poste Italiane ha comunicato nella giornata di oggi i propri risultati semestrali, riferiti ai primi 6 mesi del 2019. A margine di un periodo che chiude con un utile netto di 763 milioni (+4%) e un secondo trimestre con profitti netti per 324 milioni (+30%), concentriamoci sui risultati legati ai servizi finanziari e assicurativi.

Poste Italiane, i risultati dei servizi finanziari

Come si può apprendere dal comunicato, l’evoluzione della rete distributiva della società guidata dall’ad Matteo Del Fante comincia a dare i suoi frutti. I ricavi del settore sono aumentati dello 0,6% nel secondo trimestre del 2019, a € 1.180 milioni, mentre sono diminuiti dell’1,5% nel primo semestre del 2019 a €2.665 milioni. Escludendo l’impatto delle plusvalenze, i ricavi sono aumentati dell’1%, a € 1.174 milioni nel secondo trimestre del 2019 e a € 2.386 milioni nel primo semestre del 2019 (+4,1% rispetto al primo semestre 2019), con un contributo positivo da parte di tutti i prodotti alla generazione di ricavi ricorrenti. Il margine d’interesse è aumentato del 10,2% nel primo semestre del 2019, a € 823 milioni (+7% nel secondo trimestre del 2019 a €413 milioni), grazie agli investimenti strategici effettuati tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019. I ricavi dalla distribuzione del risparmio postale sono pari a € 898 milioni (+0,4% rispetto al semestre precedente) ed in linea con gli obiettivi di piano per il 2019. I ricavi derivanti dalla distribuzione di prestiti personali e mutui per il primo semestre e per il secondo trimestre del 2019 sono aumentati rispettivamente del 20,1%, rispetto al primo semestre 2018, a € 154 milioni, e dell’8,7%, rispetto al secondo trimestre 2018, a € 77 milioni, grazie ad un incremento dei volumi.

Nel primo semestre e nel secondo trimestre del 2019, i ricavi dal risparmio gestito sono aumentati rispettivamente del 12,2%, a € 50 milioni, e dell’11,1%, a € 25 milioni. Le Attività Finanziarie Totali (TFA) sono aumentate di € 16,1 miliardi dall’inizio dell’anno, grazie alla migliore raccolta registrata in tutte le linee di prodotto e alla rivalutazione degli attivi per effetto di favorevoli condizioni di mercato. La rete degli Uffici Postali è conforme ai requisiti MIFID2 e IDD, attraverso Relationship Manager itineranti o in sede, che possono contare sul sostegno di un nuovo strumento di robo-advisory, di un CRM unico per l’assistenza ai clienti e una rafforzata piattaforma commerciale, grazie agli investimenti informatici previsti nel piano Deliver 2022. Il risultato operativo è stato pari a € 174 milioni nel secondo trimestre (+2.6% rispetto al corrispondente periodo del 2018) e pari a 435 milioni nel primo semestre (+6.5% rispetto al primo semestre 2018), in linea con il raggiungimento degli obiettivi per il 2019.

Poste Italiane, i risultati dei servizi assicurativi

Nel secondo trimestre e nel primo semestre del 2019, i ricavi del settore dei servizi assicurativi sono aumentati rispettivamente del 26,9%, a € 458 milioni, e del 16,2%, a € 795 milioni. I ricavi del ramo Vita (esclusi i Fondi Individuali Pensionistici) sono aumentati del 27,5% nel trimestre in esame, arrivando a € 386 milioni, (+15,6%, € 672 milioni nel primo semestre del 2019) grazie all’incremento dei volumi guidato dall’offerta di prodotti multiramo, che incorporano un profilo di redditività migliore. I ricavi relativi al ramo Danni sono saliti, invece, a € 77 milioni nel primo semestre del 2019 (+ 23,5%), grazie al contributo positivo di tutte le linee di prodotto. I ricavi hanno, inoltre, beneficiato di un aumento dei proventi da investimenti, approfittando delle condizioni di mercato positive. I prodotti multiramo hanno registrato una consistente raccolta netta di € 3,4 miliardi per il primo semestre del 2019 (€ 272 milioni nel corrispondente periodo dello scorso anno). Tali prodotti costituiscono il 37% dei premi lordi nel secondo trimestre del 2019 (32% nel primo trimestre del 2019), in linea con gli obiettivi delineati nel piano strategico Deliver 2022. Nel primo semestre del 2019 sono stati registrati flussi in uscita per € 7,6 miliardi, per la maggior parte relativi a polizze di ramo I, con diversi profili di rendimento minimo garantito. Allo stesso tempo, sono stati collocati premi lordi per € 10 miliardi, di cui oltre un terzo relativi a polizze multiramo, caratterizzate da un minore assorbimento di capitale e dall’assenza di minimi garantiti. Di conseguenza Poste beneficerà di maggiori commissioni ricorrenti a valere sui nuovi prodotti unitamente ad un minor assorbimento di capitale, contribuendo positivamente a stabilizzare l’indice di Solvibilità in arco di piano. Alla fine di giugno 2019, il coefficiente di solvibilità del Gruppo Poste Vita è pari al 242%, grazie alla generazione organica di capitale, al miglioramento dei mercati finanziari e all’implementazione di azioni manageriali che hanno più che compensato l’impatto negativo derivante dalla riduzione dei tassi di interesse. L’utile operativo è cresciuto del 40,2% per il trimestre, a € 303 milioni, e del 26,1% nel primo semestre del 2019, a € 454 milioni, in linea con gli obiettivi del 2019.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Investimenti, il petrolio è sempre più americano

Investimenti, il nuovo volto dei mercati emergenti

Zurich, super semestre per Greco

Enasarco, malumori dopo il Mef

Bnl, una scelta per la parità di genere

Ti può anche interessare

Fideuram ISPB, tre ingressi per tre regioni

Nuovi professionisti per le reti Fideuram e Sanpaolo Invest ...

Tinaba e Banca Profilo, RoboAdvisory per conquistare i millennial

Da oggi sulla app Tinaba disponibile il servizio di gestione del risparmio grazie alla partnership c ...

Consulenti, ecco come pagare il contributo Ocf

Come comunicato dal portale di Anasf, i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede ...