Credem, oltre 1.000 nuovi clienti

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Agosto 2019 | 10:33

1.100 nuovi clienti, 124 milioni di euro di nuova raccolta e 135 milioni di euro di nuovi impieghi. Sono questi i principali risultati raggiunti nel primo semestre 2019, +90% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, della nuova struttura dedicata alle sinergie commerciali creata da Credem, tra i principali e più solidi istituti bancari italiani, a inizio 2019 e coordinata da Andrea Farnè (nella foto).

In particolare la nuova struttura, che fa riferimento alla direzione commerciale di Credem guidata da Francesco Reggiani, ha l’obiettivo di sviluppare la cooperazione commerciale tra le reti distributive del Gruppo, organizzare in modo uniforme la modalità di segnalazione delle opportunità ed essere punto di riferimento per la direzione per quanto riguarda la rendicontazione dei risultati dell’attività.

Inoltre, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente l’attività con strumenti all’avanguardia, è stata recentemente lanciata la nuova piattaforma digitale di segnalazioni tra le diverse business line. Tale innovazione tecnologica, operativa dal 1 luglio 2019, consentirà a tutte le oltre 4 mila persone che fanno parte delle reti commerciali di Credem di segnalare le nuove opportunità di sviluppo in maniera completamente automatizzata.

Le segnalazioni di opportunità di sviluppo tra le reti dedicate ai privati, alle grandi imprese ed alle pmi, rappresenta uno dei pilastri della strategia di sviluppo e crescita del Gruppo Credem che continuerà ad investire in tale ambito.

“Vogliamo perfezionare ed ampliare sempre di più gli strumenti a supporto delle reti commerciali”, ha dichiarato Andrea FarnèResponsabile sinergie Credem“ma metteremo anche in campo attività ed azioni finalizzate a diffondere un cambiamento culturale e di approccio alla relazione con il cliente che, se improntata ad una consulenza globale, consente di sfruttare appieno la completezza della gamma di offerta del Gruppo Credem generando risultati trasversali il cui potenziale è ancora molto ampio”, ha aggiunto Farnè.

Sempre attraverso la nuova struttura dedicata alle sinergie continuerà l’attività relativa all’avvio di un complesso progetto di riposizionamento delle filiali retail con l’obiettivo di trasformare le filiali in vere e proprie piattaforme di servizi, aperte a sperimentazioni innovative con competenze esterne e possibili collaborazioni con soggetti anche molto distanti dal core-business.

“A questo riguardo”, ha proseguito Farnè, “continua la ricerca di aree di business complementari e di business emergenti. Riteniamo infatti che sia una necessità del sistema bancario in generale valorizzare il patrimonio di conoscenza dei propri clienti, per soddisfare nuove esigenze emergenti anche in ambito digitale. La sperimentazione e l’apertura a nuove nicchie di opportunità”, ha concluso Farnè“deve rappresentare una linea di sviluppo strategica da promuovere e sviluppare fortemente”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forbes Global 2000: ecco le banche e reti più influenti

Credem, la spinta assicurativa passa dal multiramo

Banche, Credem: utile trimestrale e raccolta in crescita a doppia cifra

NEWSLETTER
Iscriviti
X