Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

A
A
A
Avatar di Redazione9 agosto 2019 | 09:37

Il Consiglio di Amministrazione di Credem, presieduto da Lucio Igino Zanon di Valgiurata, ha approvato lo scorso 9 agosto i risultati individuali e consolidati del primo semestre 2019. Risultati che evidenziano fondamentali positivi e la forza del modello banca assicurazione. Ma entriamo nel dettaglio.

Anche nella prima parte del 2019 il Gruppo Credem ha continuato a sviluppare il modello di banca assicurazione che si rivela particolarmente efficace nella gestione delle molteplici necessità della clientela. Il Gruppo ha proseguito nel sostegno all’economia del Paese, con i prestiti in crescita del 5% a/a (rispetto al sistema che segna +0,6% nello stesso periodo) raggiungendo 25,5 miliardi di euro. I mutui casa alle famiglie, in particolare, registrano flussi erogati pari a 674 milioni di euro ( +61,5% a/a). Il progresso di tali aggregati è avvenuto mantenendo la qualità dell’attivo ai vertici del mercato, con il rapporto tra crediti problematici lordi ed impieghi lordi (NPL Ratio) al 4,35% rispetto a 8,37% della media delle banche significative italiane ed adottando livelli di copertura ai vertici del sistema (livello di copertura comprensivo dello shortfall(8) al 65,5% sui crediti problematici ed all’85,4% sulle sofferenze). La raccolta complessiva è in progresso dell’1,5% a/a e si attesta a 80,5 miliardi di euro, mentre la raccolta complessiva da clientela è in progresso dell’1,7% a/a e si attesta a 68,3 miliardi di euro, a conferma della fiducia che le famiglie e le imprese italiane continuano ad accordare all’istituto. Si rafforza anche la vocazione assicurativa del Gruppo con la raccolta assicurativa in crescita del 2,9% a/a a 7,1 miliardi di euro ed in particolare i premi legati a garanzie di protezione vita e danni sono pari a 32 milioni di euro e registrano un incremento del 12% a/a. Nel semestre, inoltre, sono stati raggiunti oltre 51 mila nuovi clienti. Confermata anche la solidità patrimoniale, stabilmente ai vertici del sistema bancario. Il CET1 Ratio si è attestato a 13,3% con 530 bps di margine rispetto al livello minimo normativo (comprensivo del requisito addizionale SREP assegnato dalla Banca Centrale Europea) pari all’8% (requisito più basso tra le banche italiane vigilate direttamente da BCE). Nel semestre è proseguito il percorso di crescita dell’organico con 149 assunzioni di cui 77,2% neo diplomati e neo laureati. Il Gruppo ha inoltre avviato, a maggio, l’operatività di Avvera, società che sarà il polo di riferimento del Gruppo nel credito ai privati. L’utile netto consolidato è in crescita del 6,8% a/a a 101,5 milioni di euro rispetto a 95 milioni di euro a fine giugno 2018. Tale valore comprende 16,2 milioni, al lordo dell’effetto fiscale, di contributi ai fondi a supporto della gestione delle banche in difficoltà.

Dando uno sguardo al wealth management, la raccolta gestita del gruppo a fine giugno ha raggiunto 26,9 miliardi di euro (+0,9% a/a). Positiva la raccolta su fondi e Sicav del Gruppo (+6,8% a/a). In ambito private equity, due nuovi fondi istituiti da Euromobiliare Private Equity SGR per complessivi 100 milioni di euro hanno arricchito e diversificato l’offerta dedicata al segmento di clientela private e HNWI (High Net Worth Individual). Il Gruppo ha inoltre rinnovato l’impegno sul fronte degli investimenti socialmente responsabili proseguendo nella costruzione della propria offerta in tale settore. In particolare è stata istituita “Global Equity ESG”, linea di gestione individuale di portafoglio gestita da Euromobiliare Advisory SIM ed è stato lanciato il fondo “Cities 4 Future”, gestito da Euromobiliare Asset Management SGR che ha raccolto oltre 150 milioni di euro.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Widiba, la cultura finanziaria va al mare

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Deutsche Bank, la borsa premia la cura-choc

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Banche, lo spread regala un miliardo

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ti può anche interessare

Generali Italia: più rete, più produttiva

“Partner di vita”: si chiama così la nuova strategia di Generali Italia, illustrata in presenza ...

Azimut, faro su Londra

Azimut Holding sotto il faro dei mercati. La società guidata dal presidente Pietro Giuliani incontr ...

Intesa Sanpaolo, svolta ibrida

Il gruppo e le nuove strategie ...