Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

A
A
A
Avatar di Redazione9 agosto 2019 | 09:37

Il Consiglio di Amministrazione di Credem, presieduto da Lucio Igino Zanon di Valgiurata, ha approvato lo scorso 9 agosto i risultati individuali e consolidati del primo semestre 2019. Risultati che evidenziano fondamentali positivi e la forza del modello banca assicurazione. Ma entriamo nel dettaglio.

Anche nella prima parte del 2019 il Gruppo Credem ha continuato a sviluppare il modello di banca assicurazione che si rivela particolarmente efficace nella gestione delle molteplici necessità della clientela. Il Gruppo ha proseguito nel sostegno all’economia del Paese, con i prestiti in crescita del 5% a/a (rispetto al sistema che segna +0,6% nello stesso periodo) raggiungendo 25,5 miliardi di euro. I mutui casa alle famiglie, in particolare, registrano flussi erogati pari a 674 milioni di euro ( +61,5% a/a). Il progresso di tali aggregati è avvenuto mantenendo la qualità dell’attivo ai vertici del mercato, con il rapporto tra crediti problematici lordi ed impieghi lordi (NPL Ratio) al 4,35% rispetto a 8,37% della media delle banche significative italiane ed adottando livelli di copertura ai vertici del sistema (livello di copertura comprensivo dello shortfall(8) al 65,5% sui crediti problematici ed all’85,4% sulle sofferenze). La raccolta complessiva è in progresso dell’1,5% a/a e si attesta a 80,5 miliardi di euro, mentre la raccolta complessiva da clientela è in progresso dell’1,7% a/a e si attesta a 68,3 miliardi di euro, a conferma della fiducia che le famiglie e le imprese italiane continuano ad accordare all’istituto. Si rafforza anche la vocazione assicurativa del Gruppo con la raccolta assicurativa in crescita del 2,9% a/a a 7,1 miliardi di euro ed in particolare i premi legati a garanzie di protezione vita e danni sono pari a 32 milioni di euro e registrano un incremento del 12% a/a. Nel semestre, inoltre, sono stati raggiunti oltre 51 mila nuovi clienti. Confermata anche la solidità patrimoniale, stabilmente ai vertici del sistema bancario. Il CET1 Ratio si è attestato a 13,3% con 530 bps di margine rispetto al livello minimo normativo (comprensivo del requisito addizionale SREP assegnato dalla Banca Centrale Europea) pari all’8% (requisito più basso tra le banche italiane vigilate direttamente da BCE). Nel semestre è proseguito il percorso di crescita dell’organico con 149 assunzioni di cui 77,2% neo diplomati e neo laureati. Il Gruppo ha inoltre avviato, a maggio, l’operatività di Avvera, società che sarà il polo di riferimento del Gruppo nel credito ai privati. L’utile netto consolidato è in crescita del 6,8% a/a a 101,5 milioni di euro rispetto a 95 milioni di euro a fine giugno 2018. Tale valore comprende 16,2 milioni, al lordo dell’effetto fiscale, di contributi ai fondi a supporto della gestione delle banche in difficoltà.

Dando uno sguardo al wealth management, la raccolta gestita del gruppo a fine giugno ha raggiunto 26,9 miliardi di euro (+0,9% a/a). Positiva la raccolta su fondi e Sicav del Gruppo (+6,8% a/a). In ambito private equity, due nuovi fondi istituiti da Euromobiliare Private Equity SGR per complessivi 100 milioni di euro hanno arricchito e diversificato l’offerta dedicata al segmento di clientela private e HNWI (High Net Worth Individual). Il Gruppo ha inoltre rinnovato l’impegno sul fronte degli investimenti socialmente responsabili proseguendo nella costruzione della propria offerta in tale settore. In particolare è stata istituita “Global Equity ESG”, linea di gestione individuale di portafoglio gestita da Euromobiliare Advisory SIM ed è stato lanciato il fondo “Cities 4 Future”, gestito da Euromobiliare Asset Management SGR che ha raccolto oltre 150 milioni di euro.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Ti può anche interessare

Enasarco, pronta la lista che sfida Costa

Iniziano a scaldarsi i motori in vista delle prossime Elezioni Enasarco. Tutto pronto per la lista d ...

ROAD TO THE FUTURE: grande successo per le prime date

Il roadshow di Bluerating è iniziato da poco ed è subito un successo. Ottimo il riscontro di pubbl ...

Allianz GI ha un Saponaro in più nel motore

Arriva una nuova risorsa per il team guidato da Filippo Battistini ...