Foti: “Fineco è unica in Europa”

A
A
A
di Redazione 12 Agosto 2019 | 10:06

“Il profilo di Fineco è la perfetta evoluzione della specie, la simbiosi tra la tech company e una rete molto capillare di professionisti”. Alessandro Foti, ad di Finecobank, descrive così l’istituto da lui guidato in un’intervista rilascia a l’Economia del Corriere della Sera. Una chiacchierata con il quotidiano di via Solferino che arriva a poco tempo dall’indipendenza di Fineco da Unicredit che, secondo Foti, non porterà a grandi cambiamenti “perché Fineco è sempre stata dentro il gruppo di Unicredit, ma ha sempre goduto di una grandissima indipendenza”. Nonostante le mani libere, e i conti semestrali migliori di sempre, il manager esclude una politica di crescita per acquisizioni e dice di voler proseguire sulla strada della crescita organica. “Acquisire una banca tradizionale? Noi già oggi acquisiamo i clienti dalle banche tradizionali, senza dover acquisire le banche”.

Adesso Fineco è una public company, anche se Foti ha detto che non si aspettava una cessione tanto rapida da parte dell’ormai ex casa madre. Nonostante questo, Foti ostenta sicurezza per il futuro: “Come vedo Fineco tra 5 anni? Più grande e più profittevole. Abbiamo compiuto vent’anni: siamo usciti dall’età adolescenziale e siamo entrati nell’età adulta. Fra cinque anni Fineco sarà come un giovane uomo nel pieno delle forze”. E se Unicredit parla di robusti tagli al personale, secondo Foti il destino di Fineco è assumere: “La nostra è una proposition unica in Europa”, afferma l’ad, “per trovare qualcosa di simile bisogna andare in America”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, un giovane talento dalla carriera lampo per il private

Forbes Global 2000: ecco le banche e reti più influenti

Fineco, la raccolta fa bene anche in mezzo al mare

NEWSLETTER
Iscriviti
X