Rendiconti Mifid 2: scelta strutturata per Allianz Bank FA

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 12 Agosto 2019 | 10:44

Riprendiamo in mano il tema dei rendiconti ex Mifid 2. Dopo avervi offerto i dettagli del rendiconto di Mediolanum (vedi notizia), Fineco (vedi notizia) e il dettaglio dei documenti assicurativi di Azimut (vedi notizia), la bozza del documento “Informazioni analitiche su costi e oneri” di Banca Generali (vedi notizia), il rendiconto di Consultinvest (vedi notizia), la descrizione di quello di IWBank (vedi notizia). ,la scelta di Widiba (vedi notizia) e quella di Credem (vedi notizia), oggi il faro è su Allianz Bank Financial Advisors.

La rendicontazione costi e oneri in formato cartaceo (tra le 25 e le 30 pagine) è stata inviata ai Clienti a partire dal 22 luglio e, nei giorni immediatamente successivi, è stata pubblicata in formato digitale per i correntisti e gli investitori che hanno optato per avere disponibile la documentazione on line mediante gli specifici servizi offerti dalla Banca.

Il rendiconto si apre con una lettera agli investitori a cura del Presidente di Allianz Bank Financial Advisors, Professor Marcello Messori, e dell’Amministratore Delegato, Paola Pietrafesa, che richiama l’attenzione su una serie di aspetti del modello di servizio della Banca e delle attività a tutela del patrimonio della clientela.

Il documento offre quindi al Cliente, oltre ad una analisi dettagliata sugli scenari macroeconomici e finanziari globali, anche una descrizione del Gruppo Allianz, dove si sottolinea la relativa solidità patrimoniale, frutto anche di una attenta differenziazione dei rischi sia a livello funzionale che geografico, cui si deve il rating AA, elemento distintivo di uno dei più importanti conglomerati finanziari al mondo.

A seguire, un approfondimento informativo e formativo su MiFID II, che descrive, inter alia, l’attività di consulenza e collocamento fuori sede, principale tra i servizi prestati dalla Banca a favore della propria clientela, attraverso i propri consulenti finanziari, tra i più esperti nel mercato di riferimento, anche grazie ad una attività formativa intensa cui l’Istituto destina importanti risorse e che ha visto la recente istituzione della prestigiosa Allianz Business School.

La parte principale del documento è dedicata all’esplicitazione di costi e oneri, suddivisi in funzione degli strumenti finanziari oggetto della prestazione del servizio e della natura del servizio stesso prestato in c.d. risparmio amministrato e risparmio gestito.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, Allianz guarda alle fusioni

Procapite, i campioni di marzo

Reti, Fineco sale in cattedra con gli afflussi

NEWSLETTER
Iscriviti
X