Consulenza, i grandi player e i clienti trascurati

A
A
A
Avatar di Redazione13 agosto 2019 | 10:13

“I grandi player del settore parlano tanto di aggregazioni, ma pensano poco al risparmiatore”. La bordata è di Maurizio Esentato, fondatore e amministratore delegato di Classis Capital Sim, in un’intervista rilasciata a Il Sole 24 Ore che farà sicuramente discutere. La sua è una società di consulenza indipendente e, secondo lui, l’avvento della normativa Mifid 2 ha aperto spazi sul mercato a nuovi modelli di consulenza: “Al modello standard di vendita di prodotti finanziari si affiancherà la consulenza finanziaria indipendente: il consulente agisce come fiduciario dell’investitore e solo da quest’ultimo viene remunerato”.

La pensa così anche Sergio Boido, ex presidente di Efpa e pioniere della consulenza finanziaria indipendente: “E’ arrivato il momento per i risparmiatori italiani di poter ricevere una consulenza finanziaria che prescinde dagli aspetti commerciali. Il mercato è stato sicuramente stimolato dall’evoluzione normativa e farà un ulteriore passo in avanti con l’attesa trasparenza dei costi, ma la gran parte delle società preferiscono ancora utilizzare la promozione finanziaria con remunerazione tramite retrocessioni”.

E voi consulenti come la pensate? C’è veramente poca cura delle esigenze del cliente da parte dei grandi player? E davvero la consulenza indipendente farà a pezzi i vecchi modelli? Aspettiamo i vostri commenti.


1 commento

  • Avatar sergio schisano says:

    finche’il sistema bancario avra’pieni poteri ci saranno poche speranze che qualcosa cambi

Ti può anche interessare

Una IWBank PI in stile Piatek

Il direttore generale Dario Di Muro punta tutto sull’attacco ...

ConsulenTia19 fa il pieno di Efpa Italia

Come riporta il sito dell’Associazione Nazionale dei consulenti finanziari, partecipando dal 5 ...

Fideuram Ispb, maxi ingaggi tra il Piemonte e le Marche

In base alla nota diffusa per il 2018, in totale sono stati inseriti nelle reti di Fideuram e Sanpa ...