Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

A
A
A
Avatar di Redazione19 agosto 2019 | 15:37

Vi proponiamo di seguito un commento sulle prospettive dei mercati emergenti, a cura di Nadège Dufossé, CFA, Head of Asset Allocation di Candriam.

Oltre alle rinnovate tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, le tensioni politiche, soprattutto in Asia, sono aumentate – Cina Vs. Hong-Kong, Giappone Vs. Corea del Sud, India Vs. Kashmir, innescando un aumento nell’avversione al rischio per gli asset dei mercati emergenti. Anche i risultati delle primarie in Argentina sono stati una sorpresa negativa e potrebbero mettere a rischio il bail-out del FMI. La situazione politica nel Paese presenta tuttavia un limitato rischio di ricadute a livello regionale. Di conseguenza, i mercati azionari hanno riportato un calo di circa l’8% da luglio, mentre gli spread del debito emergente hanno iniziato ad allargarsi e le valute emergenti si sono indebolite a livello globale.

Essendosi verificate in un contesto di generale indebolimento del commercio mondiale e dell’attività manifatturiera, queste tensioni stanno rendendo più gravi i rischi di ribasso, in particolare per quanto riguarda Asia. I tweet di Donald Trump restano imprevedibili, ma di sicuro l’incertezza e l’imprevedibilità pesano sulle prospettive di investimento e di crescita economica. Al tempo stesso, le politiche accomodanti delle banche centrali mitigano il rischio ciclico.

Nel nostro scenario di base, il governo cinese procederà a ulteriori politiche di allentamento e probabilmente consentirà un deprezzamento manovrato della valuta per raggiungere una crescita del 6% circa nel 2019-2020. Trump sarà maggiormente incentivato a concludere un accordo con l’avvicinarsi delle elezioni del prossimo anno. Pertanto, continuiamo quindi a ritenere che, finché Donald Trump non sopravvaluterà la resilienza dell’economia statunitense, dovremmo beneficiare di una “Trump put” e una “Fed put”. Questo dovrebbe anche aiutare l’Asia e i mercati emergenti di tutto il mondo a stabilizzarsi.

Nella nostra asset allocation, abbiamo mantenuto una posizione neutrale sulle azioni emergenti e aumenteremo la nostra esposizione quando troveremo un premio al rischio migliore. Un segnale che l’economia cinese è in grado di toccare il punto più basso per poi segnare un’inversione di tendenza e iniziare una ripresa, ci renderebbe anche più a nostro agio con un’esposizione più elevata.

L’attuale PE 2020e è inferiore a 11 per i mercati emergenti MSCI, quindi, anche se le aspettative sugli utili sono riviste al ribasso per i prossimi 12 mesi, il premio per il rischio azionario sta già integrando molti rischi. Il mercato azionario è piatto dall’inizio dell’anno e sta sottoperformando rispetto al mercato statunitense del 15%. Abbiamo inoltre mantenuto la nostra esposizione al debito emergente (principalmente in valuta forte), che ha uno dei carry più interessanti nel nostro universo obbligazionario.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Investimenti, il petrolio è sempre più americano

Investimenti, il nuovo volto dei mercati emergenti

Zurich, super semestre per Greco

Enasarco, malumori dopo il Mef

Bnl, una scelta per la parità di genere

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Ti può anche interessare

Consulenti, profumo d’estate

Articolo tratto dal numero di agosto di Bluerating La danza salmastra delle onde. Il sole rincorre l ...

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Nasce un nuovo polo di educazione finanziaria per rispondere alle crescenti esigenze locali di piani ...

Mediolanum mette in mostra Warhol

L’arte pop e il mondo delle reti di consulenza finanziaria si incontrano per un’occasion ...