Un ex cf potrebbe guidare l’economia italiana

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 agosto 2019 | 11:13

Tra i nomi usciti nelle ultime ore nel totoministri di un possibile governo tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, vediamo quello di Antonio Misiani. Classe ’68 e senatore della Repubblica Italiana nelle fila del Partito Democratico, Misiani mostra un passato come consulente finanziario nella bergamasca per Prime Consult Sim (società incorporata nel 2002 nella rete distributiva di Banca Generali) dal luglio del 1997 all’aprile del 2000. Stando ad alcune anticipazioni della stampa, sarebbe lui il potenziale favorito per il ministero dell’Economia.

Il CV

Misiani, recita Wikipedia, si è diplomato al Liceo Classico “Paolo Sarpi” di Bergamo, per poi laurearsi in Economia Politica presso l’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano. Racconta di se: ”

La politica e l’economia sono due grandi passioni che mi accompagnano sin dagli anni del liceo Sarpi e dell’università Bocconi. Il mio impegno politico è nato nella Sinistra Giovanile ed è proseguito nel PDS, nei DS e oggi nel Partito Democratico.

Sono stato consigliere comunale e provinciale. Nel 2004 sono diventato assessore del comune di Bergamo e nel 2006 sono stato eletto per la prima volta alla Camera dei deputati. Dal 2009 al 2013 sono stato Tesoriere nazionale del PD. Attualmente sono senatore della Repubblica e capogruppo PD in commissione bilancio. Mi occupo di economia e finanza pubblica.

Quando gli impegni parlamentari terminano, torno nella mia città per seguire da vicino il territorio bergamasco, cercando di dare valore alle grandi potenzialità che Bergamo e la provincia offrono e di essere vicino alle problematiche dei cittadini: la difesa e la creazione di lavoro, il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi pubblici, non ultimo la sicurezza dei cittadini.

Uso molto Internet per lavoro, ricerca e per tenermi informato. Comunico con amici e con chi desidera dialogare con me, otre che di persona, anche con Facebook e Twitter. Adoro i gialli, i saggi, i fumetti e … la buona cucina”.

Come ci mostra qui sotto il portale di Ocf, Misiani è rimasto iscritto all’Albo fino al febbraio del 2012.


3 commenti

  • Avatar Antonio says:

    Ma prima di scrivere amenità basta prendere qualche informazione seria. Si vede che l’ex collega ha lavorato per poco più di un anno più di venti anni fa. Poi dire di Prime Consult bergamasca, è proprio di chi non ha conosciuto il settore. Con un sorriso, eh!

  • Avatar massimo cazziola says:

    Se così fosse speriamo si occupi dell’Enasarco

  • Matteo Chiamenti Matteo Chiamenti says:

    Buongiorno, di seguito alcune valutazioni di risposta alle sue riflessioni.
    “basta prendere qualche informazione seria”: tutte le informazioni contenute nell’articolo sono “serie” e verificabili. L’ipotesi di Misiani come ministro è ripresa direttamente da La Repubblica.
    “Si vede che l’ex collega ha lavorato per poco più di anno”: Abbiamo riportato una professione che ha svolto evidenziando le tempistiche e ribadendo che si tratta appunto di una ex professione.
    “Prima Consult bergamasca”: mancava il “per”, grazie per la segnalazione. Come può verificare Misiani ha appunto per Prime Consult a Bergamo. Questo il link al cv pubblico: http://www.antoniomisiani.it/wp-content/uploads/2015/03/Europass-CV-20150317-Misiani-IT.pdf

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali: al via il primo certificate a capitale protetto

Banca Generali, da Alliance Bernstein un fondo dedicato

Banca Generali, la raccolta non molla

Banca Generali alla scoperta delle “Meraviglie nascoste” del FAI

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Banca Generali, tutti i piani di Gian Maria Mossa

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Banca Generali, in arrivo 16 nuove strategie d’investimento per la rete

Banca Generali, una certezza chiamata raccolta

Reti, le montagne russe ad agosto

Puntare (anche) sulle reti per guadagnare dal governo giallorosso

Consulenti Banca Generali, l’ascesa dei wealth manager

Banche, tutti i figli di Ennio Doris

Banca Generali, l’abc della sostenibilità

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Banca Generali, la raccolta supera quota 3 miliardi

Reti Champions League: Mossa sa solo vincere, testa a testa Di Muro-Giuliani

Banca Generali, applausi dagli analisti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Banca Generali, decolla la consulenza evoluta

Banca Generali, la consulenza incontra i certificate

Banca Generali non è in vendita

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Banca Generali, la scelta sostenibile di Mossa

Generali-Google, alleanza per una rete hi-tech

Banca Generali punta sulle cartolarizzazioni

Banca Generali al fianco delle pmi

Banca Generali espansione in Svizzera all’orizzonte

Ti può anche interessare

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

La banca private guidata da Gian Maria Mossa rileva la boutique Valeur Fiduciaria in Svizzera e acce ...

Banche, il risveglio dei bond

Segni di vitalità dal mercato dei bond bancari, reduce da una stagione non certo esaltante. Il grup ...

Reti, le montagne russe ad agosto

Dopo il tonfo seguito alla crisi di governo aperta l’8 agosto scorso, le reti hanno recuperato ...