Caso dividendi, Unicredit sotto la lente del fisco

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Agosto 2019 | 10:56

Il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz lo aveva definito uno “scandalo”. Ieri si è arricchito di un nuovo capitolo. Come riporta La Stampa, la polizia tedesca ha perquisito gli uffici di Francoforte di Deutsche Boerse e della sua controllata Clearstream nell’ambito dell’inchiesta nota come frode “cum-ex”. Sarebbero coinvolti fondi di investimento globali, come BlackRock, e le grandi banche, compresa la filiale tedesca di Unicredit. Intanto l’Agenzia delle Entrate, come si apprende dall’ultima semestrale, ha chiesto chiarimenti all’istituto di Piazza Gae Aulenti sulle detrazioni Irap del 2010 e 2011, riguardo 70 milioni di euro relative a dividendi percepiti. 

Il meccanismo “cum-ex” vede accordarsi tre soggetti: il proprietario delle azioni, il venditore allo scoperto e l’acquirente. Consiste nel vendere azioni a ridosso dello stacco del dividendo (“cum”), con consegna subito dopo il pagamento del dividendo (“ex”). In questo modo, entrambi si facevano rimborsare la tassa sui dividendi che in Germania è al 25%. Dal 2001 al 2011, quando la normativa è stata modificata, con questo meccanismo sono stati sottratti miliardi al fisco per cui Unicredit Ag, la ex Hvb, ha pagato sanzioni per 19,8 milioni di euro. A fine 2018 il caso è ripartito e, spiega La Stampa, il nuovo filone coinvolgerebbe ancora Unicredit Ag: questa volta l’indagine riguarda gli scambi di Etf, sempre con il doppio rimborso della tassa sui dividendi. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit, l’azionista alla ricerca del tesoro nascosto

Certificati, da Unicredit dieci nuovi Maxi Cash Collect

Unicredit, l’asso Orcel si prepara a pigliare tutto

NEWSLETTER
Iscriviti
X