Consulenti, fatturare e guadagnare anche dopo la pensione

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 5 Settembre 2019 | 10:37
Circolare dell’Inps chiarisce che sono cumulabili con l’assegno previdenziale i redditi percepiti dopo lil ritiro dal lavoro

Già in pensione ma in attesa di incassare ancora delle provvigioni dalla società mandante. E’ una situazione in cui si trovano non di rado gli agenti di commercio e i consulenti finanziari che lavorano con un rapporto di tied agent, cioè con un vincolo di mandato con una società. Ora una circolare dell’Inps interviene a fare chiarezza sulle regole da applicare quando si verificano certe condizioni.

L’istituto nazionale della previdenza ha infatti chiarito che, una volta maturato il diritto alla pensione con la cosiddetta “quota 100” (cioè con almeno 62 anni di età e un’anzianità contributiva di oltre 38 anni), un agente o un consulente ha diritto a percepire successivamente i compensi relativi all’ attività lavorativa (ordini per la conclusione di contratti) svolta prima di essersi messo a riposo. Questi redditi possono essere cumulati con la pensione.

Inoltre l’Inps ha specificato che l’agente di commercio, presentando la domanda per andare in pensione con la “quota 100”, può indicare nella sua istanza anche la volontà di differire la decorrenza della pensione, nel caso in cui sia ancora tenuto a lavorare  qualche mese, avendo un obbligo di preavviso. Di conseguenza, il reddito derivante dall’attività svolta dopo aver dato il preavviso sarà eventualmente cumulabile con la pensione che l’agente percepisce.

Soddisfatte le associazioni sindacali di categoria degli agenti (Fnaarc, Fiarc, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil, Ugl Terziario e Usarci), che avevano chiesto un chiarimento su tali questioni. Tutte le organizzazioni avevano messo in evidenza come i loro iscritti rischiavano di risultare penalizzati e di non poter “poter beneficiare del trattamento pensionistico introdotto”, poiché le norme sulla quota 100 non tengono conto “delle specifiche modalità di svolgimento e cessazione dell’attività di intermediazione commerciale previste dalle norme di legge e dagli Accordi economici collettivi (Aec) regolanti il rapporto d’agenzia”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Agenti in crisi, tutte le richieste per rivedere la luce

Consulenti preparatevi, due ragazzacci potrebbero tornare

Consulenti, se il vostro cliente fosse stato Maradona

Consulenti, la sfida dei portafoglisti

Banca Generali, Mossa dalla parte dei giovani

Widiba, un pacchetto di clienti per i cf più giovani

Consulenti segnatevelo: la prima preoccupazioni degli italiani è la pensione

Reti, raccolta monstre per un ottobre da favola

Banca Generali, nuovo testimonial sulla neve

Copernico Sim, percorso su misura per i nuovi cf

Reti, 30 miliardi in 9 mesi

Bnl Bnp Paribas LB, previsti 150 nuovi ingressi

Maradona, il cordoglio dei consulenti napoletani e non solo

Consulenti, le false promesse dei reclutatori

Mediolanum, occhi puntati sui grandi banker

Consulenti: in his shoes, nei panni del cliente

Ristori, l’appello di consulenti e agenti a Fontana

Südtirol Bank, un ex di Ubi Banca Private per la rete

Consulenti, una delle tre colonne per un futuro sostenibile

IWBank PI, su LinkedIn un’ipotesi curiosa sul futuro

Dossier reclutamento 2021 – Banca Generali, obiettivo tripla cifra

Decreto Ristori bis, la proposta di un agente per aiutare i professionisti

Dossier reclutamento 2021 – Azimut, un piano per i millennial (e non solo)

Consulenti, quanto costa dire una bugia

Banca Generali, un piano per i progetti di vita

Decreto Ristori bis, apertura del Governo a consulenti e agenti

Azimut, un nuovo acquisto d’eccellenza per Libera Impresa

Consulenti: online sì, ma con giudizio

Azimut, Martini tira la volata al fondo digital

Consulenti, occhio a quel questionario Mifid

Decreto Ristori bis, il popolo dei consulenti si divide

Consulenti, la vessazione dello smart working

Decreto Ristori bis: no ai consulenti, sì alle escort

NEWSLETTER
Iscriviti
X