Enasarco e il populismo della protesta

A
A
A
Avatar di Redazione9 settembre 2019 | 10:12

Prosegue il dibattito intorno a Enasarco. Oggi vi proponiamo una riflessione a cura di Manlio Marucci, segretario generale di Federpromm che parla sì delle problematiche della Fondazione, ma al contempo punta il dito anche su alcune dinamiche di protesta emerse negli ultimi tempi…

Da diverso tempo si assiste ad un inasprimento delle posizioni tra le varie organizzazioni rappresentate nella compagine degli organi sociali della Fondazione Enasarco  e ora – avvicinandosi il periodo delle nuove elezioni, primavere 2020 – i termini del confronto  sono diventati elemento strumentale e di attacco alla gestione e alla governance di tale Ente previdenziale che faticosamente riesce a dare soluzioni funzionali e plausibili a tutta la platea degli oltre 230mila iscritti tra pensionati, attivi e silenti.  E’ la manifestazione – secondo alcune opinioni espresse dal delegato dell’assemblea, Manlio Marucci – del basso livello manifestato da una classe dirigente che stenta a capire la natura dei reali problemi strutturali e della formazione dei processi normativi e regolamentari che ha nel corso della sua storia  creato  posizioni di una sovrastruttura di potere  funzionalmente integrata condizionandone  nel tempo e nello spazio  il suo processo di sviluppo.    Purtroppo gli appetiti – afferma lo stesso delegato – crescono con il crescere della voglia di modificare i rapporti di forza esistenti e ne sono espressione gli schieramenti che si vanno determinando tra i vari soggetti che in questi giorni appaiono in primo piano sulla stampa  nel denunciare inefficienze e cattiva gestione, sia sul versante dell’attuale  establishment  che di coloro che si ergono oggi a rappresentare il nuovo quando “viaggiavano a braccetto” – ponendo con enfasi  il programma di idee innovative e mai concretizzatesi oggettivamente in questi anni – con l’attuale presidenza. Basti ricordare la dura posizione espressa sui silenti (sic!). Ci sarebbe da affermare: ma dov’erano questi populisti della protesta quando comodamente sedevano nelle aule decisionali dell’Ente  o addirittura presiedevano varie importanti Commissioni nelle scelte sugli investimenti ? Mah! Purtroppo è l’Italia delle didascalie: in realtà dietro la crosta sottile dei candidati che si ergono alla futura governance della Fondazione che vanta un patrimonio di oltre 7,5miliardi di euro  vi è un conformismo e mormorazione che non scalfisce il potere reale. Sfugge la sostanza di un autonomo giudizio che risulti da un reale dibattito di idee su cose e dati riferiti alla reale situazione della categoria degli agenti e consulenti finanziari, ed è solo grazie alla costanza e preparazione professionale di tutto il personale  e quadri dirigenti di uno dei più importanti Enti di previdenza in Italia che vengono soddisfatte le varie prestazione agli iscritti e pensionati. Forse c’è un revival nell’affermare lo slogan, si stava meglio quando si stava peggio.   Sarebbe utile – conclude  Marucci – dimostrare con coerenza ai “moralisti della protesta” che mentre dichiarano a spada tratta di voler cambiare la governance in Enasarco e di rivoluzionarne il suo modus operandi, si preparano  in realtà a mantenere lo status quo. Un coro di solisti che aspetta l’imprimatur. 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Enasarco, la Fondazione precisa

Consulenti, pioggia di autonomi certificati

Consulenti, preparatevi alla fine dei mercati

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Consulenti, la gioventù che non avanza

Banca Euromobiliare, pieno di consulenti per il wealth management

IWBank PI, nuovo colpo con Bagnasco

Fineco, un gran tris nel reclutamento

Elezioni Anasf, tutti i programmi delle liste

Consulenti, storia di un giovane che è arrivato in cda

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Consulenti, ottobre e un fiume di sospesi

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Fondazione Enasarco, sei nodi da sciogliere

Enasarco-Costa, poche chance per un bis

Consulenti, asse Ocf-Guardia di finanza

Azimut, un utile straripante

B.Generali, una crescita da 10 (miliardi) e lode

Bnl, l’utile sorride e ringrazia il wealth management

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Anasf, ecco gli schieramenti per le elezioni

Azimut, partnership con Illimity per i consulenti

Consulenza indipendente, i cinque sigilli di Moneyfarm

Azimut, manca poco ad Ali Expo

Consulenti, come sopravvivere alle tempeste

I consulenti? Sono maggiordomi

Consulenti, dividersi i clienti è il vostro futuro

Consulenti: perché sono fondamentali nella tempesta

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Fineco, reclutamento doc

Consulenti, tris di radiati a settembre e altre sanzioni

Consulenti, come non essere prigionieri del passato

Bnl Bnp Paraibas LB, 17 volti nuovi per Rebecchi

Ti può anche interessare

Bufi (Anasf): “Oltre al Rendiconto Mifid 2 serve il consulente”

Un commento del presidente dell’Anasf al prossimo approfondimento di Bluerating sulla documentazio ...

Oggi su BLUERATING NEWS: top manager delle reti, Mifid 2 alla prova rendiconti

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Ubi Banca, sale l’utile

Ubi Banca ha chiuso il 2018 con un utile netto di 302,4 milioni di euro, in crescita rispetto ai 188 ...