Carige, famiglia Malacalza all’angolo

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 12 Settembre 2019 | 11:27

Una coltre nebbia continua ad avvolgere le sorti di Banca Carige. Manca una settimana circa all’assemblea chiamata a decidere sul futuro dell’istituto e ad oggi la famiglia Malacalza non si è ancora espressa su un possibile piano, anche perché tuttora non sembra esserci spazio per aprire una trattativa con il primo azionista.

Secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, nelle ultime settimane gli imprenditori piacentini avrebbero inviato diverse missive ai commissari e altre controparti coinvolte nel salvataggio chiedendo informazioni sull’operazione e soprattutto sollevando il problema del suo forte effetto diluitivo.

La ricapitalizzazione da 700 milioni, nell’ambito di un piano da 900 milioni, ridurrebbe infatti la partecipazione dei Malacalza fino al 2% per lasciare spazio ai nuovi investitori a partire da Cassa Centrale Banca.

Urge difatti un intenso lavoro da parte delle società di proxy che dovranno da un lato ingaggiare gli investitori istituzionali e dall’altro stimolare la partecipazione dei piccoli o piccolissimi azionisti. Proprio martedì anche il proxy advisor Iss, come Glass Lewis, ha suggerito agli azionisti di Carige di votare a favore dell’aumento.

«Nel caso questa proposta non fosse approvata, la società non sarebbe in grado di implementare il suo piano strategico e sarebbe soggetta a misure straordinarie che potrebbero portare alla liquidazione o alla risoluzione» si legge nel report destinato agli investitori istituzionali.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Carige, al via l’aumento di capitale da 700 milioni. Ma c’è il rischio delisting

Carige, via libera all’aumento di capitale. “Ma è a rischio la continuità aziendale”

Carige, resa dei conti a settembre

NEWSLETTER
Iscriviti
X