Azimut, scommessa americana

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 16 Settembre 2019 | 08:29
La rete presieduta da Giuliani punta a un partnership Usa nell’asset management.

Azimut Holding, la rete quotata di consulenti finanziari e private baker presieduta da Pietro Giuliani (nella foto), è vicina a formalizzare una partnership con un realtà americana dell’asset management. Lo scrive “Il Sole 24 Ore” di ieri ricordando che la società negli Stati Uniti è già autorizzata alla distribuzione di prodotti finanziari, ma la sua operatività è molto limitata e concentrata su alcuni clienti non americani.

Il tassello Usa è nella logica di arrivare nel 2024 ad avere il 35% degli asset fuori dall’Italia che allo scorso giugno valevano intorno al 29% del totale.  L’opzione americana fa comunque parte di una strategia più ampia che punta anche ad acquisire quote di mercato e masse ove Azimut è già presente, dal Messico alla Cina fino al Brasile e all’Australia.  Si ricorda anche che uno degli obiettivi della società è di far crescere gli asset under management nel private market/investimenti alternativi a 1,5 miliardi nel 2020, per rappresentare il 15% del totale degli asset nel 2024 rispetto all’1% attuale

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, tanti ex di Euromobiliare (e non solo) per la rete

Azimut, la raccolta di marzo ciliegina di un trimestre col turbo

Azimut, l’asset management cresce tra Medio Oriente, Nord Africa e Turchia

NEWSLETTER
Iscriviti
X