Popolare di Bari, porte aperte alla consulenza

A
A
A
di Redazione 26 Settembre 2019 | 10:53

Una scissione tra la cooperativa e la nuova Spa digital, gamba che incorporerà una Sim con 500 consulenti finanziari all’attivo.  Come riporta Il Sole 24 Ore, è questo il piano anti crisi di Banca Popolare di Bari. Ne ha parlato al quotidiano salmonato l’amministratore delegato del gruppo, Vincenzo De Bustis, che ha spiegato di cosa si occuperanno le due entità che prenderanno vita dalla ristrutturazione: “La cooperativa continuerà l’attuale attività di banca del territorio, mantenendo una parte degli sportelli e dell’attività tradizionale ma con maggiore slancio grazie alla ripulitura del portafoglio Npl. La nuova Spa sarà invece una banca multicanale con un forte vocazione di servizio con qualificati advisors sul territorio a sostegno della clientela affluent (di fascia media, ndr) e delle Pmi del Meridione”.

La riunione del cda del 24 settembre ha deciso di procedere in tempi rapidi con l’acquisizione di una piccola banca, per poi fondersi e beneficiare delle agevolazioni del Decreto crescita. Il Consiglio ha inoltre approvato il progetto “DigitalLab”, embrione della nuova banca multicanale che nascerà entro giugno 2020.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Crack Popolare Bari, arresti domiciliari per gli Jacobini

Pop. Bari, Credit Agricole tra i papabili compratori

Popolare di Bari, operazione salvataggio

NEWSLETTER
Iscriviti
X