Pir, la sfuriata di Doris

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 30 Settembre 2019 | 08:00

Il capo di Banca Mediolanum al governo: “Torniamo subito alla vecchia normativa”.

“Bisogna tornare allo schema originario che aveva favorito grandi afflussi: ma è importante anche non toccare più la normativa: gli investitori, soprattutto quelli esteri, chiedono la garanzia di una normativa stabile”. Massimo Doris (nella foto), amministratore delegato di Banca Mediolanum ha lanciato un duro monito al governo in un’intervista al “Il Messaggero” di ieri circa lo stato di salute dei Piani individuali di risparmio (Pir) che dopo il grande successo di 2017 e 2018 quando raccolsero 15 miliardi di euro si avviano invece a chiudere l’anno con un raccolta netta negativa stimata in 700 milioni.
Doris sollecita il governo a cambiare le nuove norme sui Pir varate dal precedente esecutivo: “va subito fatto un passo indietro – dice – rispetto alle modifiche scattate nel 2019. Dobbiamo tornare alla normativa originaria”. Doris, che guida una banca leader nei Pir con una quota di mercato del 22%, ricorda che le nuove norme hanno fatto sì che quest’anno “nessuna società, né italiana, né estera, ha emesso nuovi prodotti Pir”. Il punto contestato della nuova norma, e peraltro già criticato da Assogestioni e Banca d’Italia, riguarda l’obbligo di vincolare il 7% complessivo della raccolta di un Pir tra fondi di venture capital e pmi quotate all’Aim.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!


1 commento

  • Avatar Federico says:

    Comprendo il disappunto di Massimo, dato che è la banca che li ha collocati massicciamente. I loro troppo costosi e inefficienti al max.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi Coronavirus, le banche sono più pronte di quanto il mercato creda

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Reclutare i consulenti giusti, un corso a Roma

Banche, i nuovi stress test all’ombra del Coronavirus

Contratto bancari, missione compiuta

Il futuro di Sergio Ermotti non sarà in banca

Banche, la desertificazione delle filiali

Bnl Bnp Paribas LB: 6 nuovi consulenti per la rete

Mediolanum, i consulenti verso un percorso esaltante

Mediolanum, il ruolo sociale del banker

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Mediolanum: il 2020 inizia col botto, in attesa dei Pir

Truffe bancarie, rimborsi anticipati

La vecchia banca perde valore

Mediolanum: i consigli al cf per spiegare i multipli ai clienti

Banche, ecco le pagelle della Bce

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Ti può anche interessare

Carige: con Apollo accordo sulle assicurazioni

Il fondo Apollo chiude l’iter per l’acquisizione della assicurazioni di Banca Carige. Se ...

Ubi Banca, profitti sopra le attese

Utili in calo ma migliori delle stime per Ubi Banca. Nel trimestre gennaio-marzo, i profitti si atte ...

Coronavirus, 12 misure per i consulenti

Tutti i punti del Decreto “Cura Italia” che aiutano l’attività dei cf spiegati in una circola ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X