Pir, la sfuriata di Doris

A
A
A

Il capo di Banca Mediolanum al governo: “Torniamo subito alla vecchia normativa”.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino30 settembre 2019 | 08:00
“Bisogna tornare allo schema originario che aveva favorito grandi afflussi: ma è importante anche non toccare più la normativa: gli investitori, soprattutto quelli esteri, chiedono la garanzia di una normativa stabile”. Massimo Doris (nella foto), amministratore delegato di Banca Mediolanum ha lanciato un duro monito al governo in un’intervista al “Il Messaggero” di ieri circa lo stato di salute dei Piani individuali di risparmio (Pir) che dopo il grande successo di 2017 e 2018 quando raccolsero 15 miliardi di euro si avviano invece a chiudere l’anno con un raccolta netta negativa stimata in 700 milioni.
Doris sollecita il governo a cambiare le nuove norme sui Pir varate dal precedente esecutivo: “va subito fatto un passo indietro – dice – rispetto alle modifiche scattate nel 2019. Dobbiamo tornare alla normativa originaria”. Doris, che guida una banca leader nei Pir con una quota di mercato del 22%, ricorda che le nuove norme hanno fatto sì che quest’anno “nessuna società, né italiana, né estera, ha emesso nuovi prodotti Pir”. Il punto contestato della nuova norma, e peraltro già criticato da Assogestioni e Banca d’Italia, riguarda l’obbligo di vincolare il 7% complessivo della raccolta di un Pir tra fondi di venture capital e pmi quotate all’Aim.

1 commento

  • Avatar Federico says:

    Comprendo il disappunto di Massimo, dato che è la banca che li ha collocati massicciamente. I loro troppo costosi e inefficienti al max.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Banche, il fintech ammazza i ricavi

Widiba, contaminazione salentina

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Ti può anche interessare

Widiba, Milan l’è un gran roadshow

Passa per Milano il Roadshow di Widiba dedicato alla finanza comportamentale: 8 tappe in tutta It ...

Credem, formazione e reclutamento per far crescere la rete

L'intervista al capo dei consulenti finanziari di Credem, che punta a potenziare la sua rete inseren ...

Banca del Piemonte, utile in calo

L'assemblea degli azionisti ha approvato i conti del 2018 e nominato il nuovo Consiglio d'amministra ...