Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 1 Ottobre 2019 | 11:20

Banco Bpm al centro dei riflettori a Piazza Affari, dove il titolo apre la seduta in rialzo di oltre il 3,5% a 1,94 euro per azione con buoni volumi di scambio, superiori ai 15 milioni di pezzi dopo poco più di un’ora di lavoro. A tenere botta è l’ipotesi di un’integrazione con Ubi Banca, a sua volta in rialzo del 2,8% abbondante appena sotto i 2,65 euro per azione. Il matrimonio tra le due banche (che nell’ultimo anno mostrano una performance azionaria deludente, con Banco Bpm in rosso di quasi il 12%, Ubi Banca in perdita di oltre il 25%) pur non essendo allo studio avrebbe “sicuramente” senso, come ha confermato l’amministratore delegato di Banco Bpm, Giuseppe Castagna.

“Abbiamo sempre detto che guardiamo a un tessuto imprenditoriale che è particolarmente forte nel Nord Italia” ha aggiunto Castagna, auspicando che i propri azionisti “possano fare un patto”. Guarda caso l’area coincide con quella in cui opera meggiormente l’istituto guidato da Victor Massiah, i cui soci sono inoltre legati ad un patto di sindacato che vincola il 20% del capitale. In effetti, fanno notare vari analisti, i tempi per un matrimonio “popolare” potrebbero essere ormai maturi.

Banco Bpm è nato dalla fusione tra Banca Popolare di Milano e Banco Popolare del 2017 e si è poi impegnata in un deciso de-risking e in una razionalizzazione organizzativa. Mentre Ubi Banca, rinnovando il patto che ora riunisce gli azionisti non più su base geografica, sta provando a trovare un nuovo assetto per gli anni a venire con alcuni dei suoi azionisti come Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo che non fanno mistero di gradire l’ipotesi che l’istituto abbia un ruolo aggregante nel panorama bancario italiano.

Il giudizio degli analisti su Banco Bpm

In ogni caso perché qualcosa si muova occorrerà attendere i nuovi piani industriali che entrambe le banche stanno mettendo a punto e che presenteranno tra fine 2019 e inizio 2020. Piani che potrebbero offrire maggiore visibilità sul tema delle future aggregazioni. Per intanto su Banco Bpm le opinioni degli analisti fondamentali sono largamente positive con 4 “buy”, 3 “outperform” e 6 “hold” ma senza alcun report negativo. A fronte di un fatturato stimato dal consenso sopra i 4,15 miliardi a fine anno, ci si attende in media un utile ante imposte di almeno 825 milioni, pari ad un utile per azione di 7 centesimi.

Se così fosse il titolo tratterebbe attorno alle 3,6 volte gli utili correnti, mentre il dividend yield (il consenso parla di un dividendo di 11 centesimi) potrebbe valere circa il 3%. Il prezzo obiettivo, in media indicato pari a 2,25 euro, è ancora un 16% circa al di sopa dei valori correnti, ma se continuassero le voci di prossime operazioni straordinarie potrebbe essere raggiunto e forse superato. Gli analisti tecnici per ora si mantengono prudenti indicando come il trend a breve e medio termine resti neutrale e solo moderatamente positivo a lungo termine.

Nel brevissimo termine le resistenze sono indicate a 1,90 e poi a 1,95 euro per azione, mentre i supporti sono indicati tra 1,80 e 1,78 euro. In assenza di direzionalità, come confermano anche gli indicatori stocastico e di forza relativa (Rsi), entrambi nella zona superiore di oscillazione ma distanti dall’ipercomprato, viene segnalato solo un leggero incremento dei volumi di scambio in queste ultimissime sedute, in coincidenza con un recupero dei prezzi. Potrebbe essere un segnale di prossima uscita rialzista di Banco Bpm dalla fase laterale, ma appaiono al momento necessarie ulteriori conferme.

L’andamento di Banco Bpm a Piazza Affari negli ultimi 12 mesi
La performance in Borsa di Ubi Banca negli ultimi 12 mesi

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa-Ubi, adesso l’Ops finisce in tribunale

Intesa-Ubi, ci si rivede a settembre

Ubi, la banca non si arrende all’acquisizione

Intesa-Ubi, richiesta la sospensione dell’ops alla Consob

Intesa-Ubi, si accende il faro dell’Antitrust

IWBank PI, al Coronavirus si risponde con utile e raccolta

Reti, dopo il Covid-19: IWBank PI, il trigger per il cambiamento

IWBank, un webinar per i clienti sulla finanza comportamentale

Intesa Sanpaolo, avanti tutta sull’ops per UBI Banca

IWBank PI, tripletta di ingressi su Roma e colpo nella formazione

Intesa-Ubi, che salasso dopo il Coronavirus

Ubi, il piano Marshall da 10 miliardi

IWBank PI, a segno un colpaccio da Deutsche Bank

Coronavirus, da IWBank soldi e coperture per i consulenti

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

IWBank PI cala la tripla al centro-nord

Coronavirus, 5 milioni di aiuti da Ubi

Intesa-Ubi, cosa cambia dopo il coronavirus

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

IWBank, colpo grosso in Widiba

Coronavirus, la moratoria di Ubi Banca

IWBank PI, tripletta di ingressi in Toscana

Il manager amico di IWBank e la sua avventura in Antartide

Affare Intesa-Ubi, tutti i punti di forza per gli analisti

Ubi Banca, accelerata sull’open banking

Ubi: si apre il fronte contro Intesa Sanpaolo e Messina risponde

Il manager di Ubi: “Ho paura che mi mandino a fare il bucato”

Intesa-Ubi, Massiah non getta la spugna

Fideuram e IWBank PI, quale futuro dopo la scalata

Intesa Sanpaolo-Ubi, previste almeno 5 mila uscite di dipendenti

Private banking, le conseguenze della possibile fusione Intesa-UBI

Intesa all’assalto di Ubi

Ubi Banca lancia il fee-only

Ti può anche interessare

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

Arrivano sanzioni pesanti alle quattro principali banche italiane da parte dell’Antitrust. L ...

Unicredit perde, ma il patrimonio è solido

Il Coronavirus pesa sulla redditività ma il patrimonio tiene. UniCredit chiude il primo trimestre c ...

Fineco, la banca a passo di fitness

Fineco virtualizza le sue carte di credito e di debito su smartwatch come Versa 2 e braccialetti int ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X