Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 18 Ottobre 2019 | 15:30
Kepler disegna gli scenari per un possibile risiko tra le reti, facendo considerazioni anche su Fineco, Azimut e Banca Generali

Mediobanca potrebbe fare shopping o stringere nuove alleanze nel risparmio gestito. Lo pensano gli analisti di Kepler, visto che l’istituto di Piazzetta Cuccia ha una buona dose di capitale in eccesso (si parla di 0,7 miliardi, che entro il 2023 dovrebbero diventare 1,4 miliardi). Le strade percorribili sarebbero diverse. La prima, porta a Banca Mediolanum. Ennio Doris, azionista di Mediolanum con poco più del 40%, aderisce al patto light di Mediobanca. Se Berlusconi, che ha il 20,6% delle quote di Mediolanum, vendesse le sue partecipazioni (il 15 settembre scorso si è sciolto il patto che lo legava storicamente ai Doris), allora potrebbe aprirsi la strada di una clamorosa unione tra CheBanca!, che fa parte del gruppo Mediobanca, e Mediolanum. Secondo gli analisti, Mediobanca potrebbe inizialmente investire 1,1 miliardi in Mediolanum per acquisire una quota inferiore al 30%. Poi, in un secondo momento, la stessa Mediobanca potrebbe conferire dentro al perimetro del gruppo Mediolanum la controllata CheBanca! e ottenere in cambio una nuova quota di azioni della società fondata da Doris, arrivando così a detenere una partecipazione attorno al 30%. Piazzetta Cuccia diventerebbe così il secondo azionista alle spalle di Doris.

La seconda strada, altrettanto suggestiva, potrebbe chiamarsi Banca Generali. Gli esperti di Kepler pensano che l’operazione potrebbe essere finanziata con la liquidità di cassa e con la cessione di una quota di Generali. C’è anche chi ipotizza uno scambio: con Mediobanca che cederebbe a Generali le sue quote nel gruppo delle assicurazioni, in cambio delle quote in Banca Generali (controllata, appunto, dal Leone di Trieste).

Tra gli altri possibili target ci potrebbe essere anche FinecoBank, da poco divenuta indipendente dal gruppo Unicredit. Ma l’operazione non è facile, vista la capitalizzazione di mercato oltre i 6 miliardi di euro. E Azimut Holding? Azimut sarebbe un obiettivo off limits. Dalle parti di Kepler, pensano che la volontà di mantenere l’indipendenza di Pietro Giuliani, presidente e fondatore del gruppo, sia un ostacolo praticamente insormontabile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

Fineco e Azimut, le reti più scalabili

Azimut pesca un asso nel Private

Reti e consulenti, dopo la fase 1 è arrivato il momento delle pagelle

Azimut, la corporate advisory per consulenti e imprese

Azimut, la raccolta prosegue positiva anche a maggio

Azimut, l’alternativo al passo con le start up

Azimut: tra religione ed elicotteri, le domande impossibili a Giuliani

Azimut, un nuovo successo per il corporate finance

Azimut e gli Escalona, quando la consulenza è una tradizione di famiglia

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Azimut, una mossa per la crescita sociale

Reti, dopo il Covid-19: Azimut, la coscienza sostenibile

Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

Giuliani (Azimut): niente paura per l’utile

Consulenti, ecco i fondi delle reti che possono aiutare l’Italia

Azimut, dove investono i suoi clienti

Azimut, la raccolta regge anche ad aprile

Azimut, arrivano dividendo, buy-back e whitewash

Azimut, accelerata sul fintech

Azimut, Giuliani e soci pronti all’azione

Azimut, a marzo raccolta in positivo e ok al dividendo

Azimut, quando il consulente ti trova la mascherina

Azimut, i compensi ai top manager

Azimut lancia un nuovo strumento per aiutare le attività commerciali

Azimut sempre più in prima linea contro il Coronavirus

Azimut, il Coronavirus non ferma Timone Fiduciaria

Reti, basta slogan. La verità messa a nudo sui giovani consulenti

Coronavirus, un virus per le reti

Ti può anche interessare

Caso Lambri, quanti contanti dai clienti

Secondo quanto riporta il sito web di Milano Finanza che cita Federconsumatori Parma, Antonella Lamb ...

CheBanca!, un aiuto agli ospedali lombardi

Consegnati ai reparti di rianimazione di 9 ospedali della Lombardia ventilatori polmonari, ecografi ...

Ennio Doris, “L’uomo che non smette di sognare”

Da qualche giorno disponibile in libreria il nuovo libro di Pier Augusto Stagi, “ENNIO DORIS 80 an ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X