Doris ha un tesoro di 100 milioni

A
A
A

E’ l’attivo di Snow Peak, la società dell’a.d. di Banca Mediolanum, che ha un patrimonio netto salito a 40 milioni.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino28 ottobre 2019 | 08:14

Il tesoro di  Massimo Doris  (nella foto), amministratore delegato di  Banca Mediolanum, vale oltre 100 milioni di euro. Secondo quanto riporta oggi Affari&Finanza ammonta infatti ad oltre 101,7 milioni l’attivo segnato nel 2018 da Snow Peak, società interamente controllata dal capozienda della quotata, di cui lo stesso è presidente mentre nel consiglio siede Maurizio Carfagna, ex banchiere e storico fiduciario degli affari personali della dinastia Doris. Snow Peak qualche settimana fa ha mandato interamente a riserva straordinaria l’utile di 5,6 milioni di euro registrato lo scorso anno, in lieve contrazione dai 6,6 milioni di profitto del 2017 facendo così salire il patrimonio netto a quasi 40 milioni.

Cosa possiede Snow Peak? Il totale dell’attivo è costituto da immobilizzazioni finanziarie salite anno su anno da 90,2 a 95,5 milioni e liquidità calata da 7,2 a 6,1 milioni. Il bilancio non specifica i soggetti delle partecipazioni, ma le immobilizzazioni finanziarie rappresentano in gran parte il controvalore di circa 14,5 milioni di titoli di Banca Mediolanum, pari ad oltre l’1,96% circa del capitale totale, che ha garantito alla cassaforte del figlio di  Ennio Doris una cedola di 6 milioni. Il resto dell’attivo di Snow Peak è la quota del 40,5% in FinProg. Italia, pari al 6,7% dei diritti di voto, posseduta da Massimo Doris per 901 mila titoli in piena proprietà e per i restanti 4,5 milioni di titoli in nuda proprietà il cui diritto di usufrutto spetta a padre e madre.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi Coronavirus, le banche sono più pronte di quanto il mercato creda

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Reclutare i consulenti giusti, un corso a Roma

Banche, i nuovi stress test all’ombra del Coronavirus

Contratto bancari, missione compiuta

Il futuro di Sergio Ermotti non sarà in banca

Banche, la desertificazione delle filiali

Bnl Bnp Paribas LB: 6 nuovi consulenti per la rete

Mediolanum, i consulenti verso un percorso esaltante

Mediolanum, il ruolo sociale del banker

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Mediolanum: il 2020 inizia col botto, in attesa dei Pir

Truffe bancarie, rimborsi anticipati

La vecchia banca perde valore

Mediolanum: i consigli al cf per spiegare i multipli ai clienti

Banche, ecco le pagelle della Bce

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Ti può anche interessare

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

I Tetragonauti Onlus, la Fondazione Arché e l’associazione Cometa. Sono queste tre realtà le ...

Axactor dà fiducia al sistema bancario

Axactor Italy, parte del Gruppo Internazionale Axactor SE, attivo nel mercato italiano dell’acquis ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram, reclutamenti di fine anno

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...