Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Ottobre 2019 | 11:31

Diventare il punto di riferimento degli italiani per i servizi finanziari, di risparmio e d’investimento attraverso una versatile combinazione tra il canale digitale (che possiede il giusto appeal per la clientela più giovane) e quello fisico, più tradizionale. Il tesoretto delle famiglie È l’obiettivo dichiarato di Poste Italiane per qualificare sempre di più la propria offerta alla luce dei dati ufficiali della Banca d’Italia e dell’Istat e delle ampie leve di sviluppo del business sostenute dal Piano Deliver 2022. Palazzo Koch e l’Istituto di statistica calcolano infatti che l’ingente “tesoretto” costituito dalle masse di attività finanziarie detenute dalle famiglie italiane, un asset estremamente significativo in termini di valore, ammontava alla fine del 2017 a ben 4.374 miliardi di euro. E Poste Italiane si sta muovendo per intercettare la domanda di servizi finanziari grazie alle misure di espansione delle attività e dell’offerta messe in campo dalla strategia di Deliver 2022. Presentato a febbraio dello scorso anno dall’amministratore delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante (nella foto), il piano ha come obiettivo la crescita del gruppo postale nel settore del risparmio gestito e della consulenza finanziaria. La controllata BancoPosta, con circa 7 miliardi di euro di depositi, è diventata la punta di diamante del piano. Non solo le filiali bancarie, quindi, sono oggetto di una trasformazione radicale che ne sta cambiando il volto.

Anche l’onnipresente ufficio postale assume oggi caratteristiche differenti, volte a servire le necessità finanziarie del cliente a 360°. BancoPosta ha attraversato in questi anni una lunga fase di crescita, facendo leva sull’affidabilità di cui gode il marchio Poste Italiane, sul radicamento territoriale di una rete composta da 13mila uffici postali, sull’unicità del suo modello di business e sull’innovazione tecnologica ormai imprescindibile e che proprio dal Piano Deliver 2022 sta ricevendo nuovi impulsi.

Un esercito di 35 milioni
Poste Italiane distribuisce ormai una vasta gamma di prodotti anche di società nell’ambito di un approccio di piattaforma aperta che rende l’offerta in linea con le best practice del mercato, anche grazie agli investimenti finalizzati a migliorare la strumentazione tecnologica e informativa a disposizione dei consulenti finanziari e a renderne sempre più raffinata la formazione. Ciò mette Poste, sostiene l’azienda, “in condizione di proporre la soluzione giusta per ogni cliente e siamo supportati in modo evoluto al livello digitale. Questi fattori si aggiungono ai vantaggi della prossimità e della capillarità della rete di uffici postali, alle sue caratteristiche di unicità”. Tale unicità è dovuta al fatto che da sempre Poste Italiane, sottolinea ancora l’azienda, è considerata la “cassaforte sicura” del risparmio degli italiani. “Con queste premesse, l’obiettivo di diventare un punto di riferimento a 360° per tutti pare davvero a portata di mano”. Sono quasi 35 milioni i clienti di Poste Italiane che hanno rapporti di natura finanziaria con il gruppo. Circa sette milioni sono i correntisti e 26 milioni i possessori di libretti postali o di buoni fruttiferi. Il 25% di questi clienti si affida a uno degli 8mila consulenti dedicati, disponibili nelle 6.500 sale consulenza o a uno dei 1.000 specialisti mobili che operano all’interno di più uffici postali su appuntamento con il cliente. L’obiettivo di Poste Italiane “è diventare il punto di riferimento dei cittadini, un obiettivo che si raggiunge servendo le persone con un maggiore livello di profondità, intercettando cioè tutti i loro bisogni. In altri termini, la strategia di Poste Italiane prevede il passaggio dalla vendita del singolo prodotto alla capacità di servire il cliente a tutto tondo nelle sue esigenze d’investimento e risparmio”. Tra gli obiettivi del piano strategico Deliver 2022 c’è l’aumento della presenza del gruppo nella gestione del risparmio, ampliando e rendendo sempre più completa l’offerta di prodotti e servizi. Deliver 2022 prevede in particolare un programma di investimenti per circa 2,8 miliardi di euro lungo l’arco di tempo previsto per la sua attuazione.

Investimenti in tecnologia
Ulteriori investimenti sono stati programmati nello sviluppo di piattaforme tecnologiche in grado di rendere più efficace l’attività dei consulenti e di differenti modelli di servizio per i diversi segmenti di clientela, con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento nella gestione del risparmio e per tutti i bisogni finanziari e assicurativi dei clienti. Il modello “ibrido” proposto da Poste Italiane è forte di una sua peculiarità: la crescita del digitale non è infatti alternativa a quella della rete tradizionale. Anzi è un fattore di sviluppo anche del canale fisico del territorio

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Copernico Sim, un decano della consulenza per la squadra del Lazio

Consulenza e risparmio gestito, bisogna riparare il danno

Consulente, un lavoro da consigliare al proprio figlio

Consulenza, i commercialisti sono pronti in pista

Banca Generali, medaglia d’oro come miglior rete di consulenti

Consulenza da padre a figlio, un passaggio complicato

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

NEWSLETTER
Iscriviti
X