Azimut, rendimenti a doppia cifra con le Pmi

A
A
A
di Marcello Astorri 4 Novembre 2019 | 09:41

Azimut va a caccia di rendimenti nell’economia reale e si guarda intorno per possibili acquisizioni nel risparmio gestito. È quello che si coglie dalle parole del presidente del gruppo, Pietro Giuliani, durante un’intervista rilasciata a MF Milano Finanza. Il manager sfoglia la margherita nel dialogo con Elena Dal Maso: “Anima? Un peccato vederla a quei prezzi, non se li merita, infatti oggi il titolo è risalito a 3,9 euro. La società è ben gestita, ha però masse concentrate soprattutto in Italia, mentre il nostro obiettivo è di diversificare il rischio Paese”. Mentre per quanto riguarda FinecoBank, il numero uno di Azimut ha detto che è “prezzata bene” con un titolo che viaggia “23 volte il rapporto prezzo/utili 2020 contro le 12 volte in media del settore italiano e ha una capitalizzazione di oltre 6 miliardi”.

Per quanto riguarda la strategia del gruppo, l’idea sarebbe quella di puntare forte sulle pmi: “Negli ultimi 10 anni l’investimento in attività che sono chiamate alternative, come il private equity, il venture capital o il private debt, ha avuto rendimenti medi del 12% l’anno”, ha spiegato il presidente Giuliani. Per quanto riguarda il rischio, il capo di Azimut sostiene che per abbassarlo “L’unica possibilità è allungare la durata dell’investimento. Il ragionamento è semplice: la realtà è che già oggi il 15% del denaro che gli italiani tengono in conto corrente è di fatto illiquido, perché staziona lì fermo, senza essere utilizzato e senza produrre rendimento. La soluzione per guadagnare in un contesto di tassi negativi è investire questa quota in attività alternative”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il wealth manager si racconta

Azimut LB, una nuova visione per il portafoglio

Azimut LI, un nuovo investimento all’insegna della digitalizzazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X