Contratto bancari, la strada è quella giusta

A
A
A
di Redazione 8 Novembre 2019 | 10:41

Ci sono progressi nella trattativa tra Abi per il rinnovo del contratto dei bancari. A dirlo è il segretario di Fisac, Giuliano Calcagni, in un’intervista rilasciata a MF – Milano Finanza. “Rispetto agli incontri precedenti il clima è cambiato”, ha detto il sindacalista, “giudico positivamente due elementi: il primo è che Abi ha ritirato i documenti presentati nel corso dell’incontro del 25, una sorta di contropiattaforma, che unitariamente abbiamo immediatamente respinto, il secondo è che si è tornati a discutere sulle rivendicazioni presentate in piattaforma”. L’Abi aveva fatto aperture nel corso dell’incontro dello scorso 6 novembre, cosa che ha soddisfatto Calcagni: “In relazione ai diritti e alle tutele, all’abolizione del salario d’ingresso per i neossunti, al diritto alla disconnessione, ai diritti per i tempi di cura, l’area contrattuale, l’inserimento dell’Accordo sulle politiche commerciali del 7 febbraio 2017 nonché la cabina di regia, penso che possiamo considerarle un punto di partenza per la ripresa del negoziato che comunque si presenta lungo e complesso rispetto al quale non lasceremo niente sul tavolo”.

Ci sono ancora alcuni nodi da sciogliere, a partire dall’aumento salariale:  
”Per la Fisac Cgil l’offerta di Abi di aumento di 135 euro per la figura media è insufficiente. Aggiungo, la proposta di aumento salariale di 135 euro è comunque insufficiente rispetto alla parametrazione della nostra di 200 euro che oltre al recupero inflativo include una quota di produttività e una percentuale di ristoro economico per tutte le colleghe e i colleghi che negli ultimi 15 anni hanno contribuito con il loro lavoro alla tenuta del sistema bancario e alla salvaguardia dei risparmi dei cittadini di questo Paese”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Contratto bancari, si va verso un corposo aumento di stipendio

NEWSLETTER
Iscriviti
X