Azimut, una newco americana per gli alternativi

A
A
A
Avatar di Redazione14 novembre 2019 | 15:14

Azimut, uno dei principali gruppi italiani indipendenti nel risparmio gestito con € 58 miliardi di masse totali in gestione, ha avviato oggi una newco con sede a New York (Usa) denominata Azimut Alternative Capital Partners LLC, “AACP”allo scopo di investire nell’azionariato di asset manager alternativi specializzati nei mercati privati, tra i quali private equity, private credit, infrastructure real estate. Allo stesso tempo, Azimut ha firmato un accordo di investimento e patto parasociale con il nuovo ceo di Aacp, Jeffry Brown, per realizzare gli obiettivi del business plan, che, tra le altre cose, punta a costruire il principale veicolo di Permanent Capital strategico nel settore degli alternativi.

Aacp è stata istituita per costruire una nuova società di investimento, diversificata e multi-affiliata, acquistando partecipazioni di minoranza in asset manager alternativi, e fornendo servizi strategici ad alto valore aggiunto. Aacp si concentrerà sul segmento ampio e in forte crescita, ma al contempo ancora poco presidiato, degli asset manager alternativi con AUM inferiori a $ 3 miliardi.

Jeff Brown è un veterano del settore con oltre 20 anni di esperienza negli alternativi, ed in precedenza è stato managing director di Dyal Capital Partners, uno dei principali investitori di quote di minoranza in asset manager alternativi al mondo, parte del gruppo Neuberger Berman. Jeff ha fondato e guidato per 5 anni la piattaforma di servizi di Dyal, creando valore nelle società in portafoglio attraverso tre fondi di private equity, per masse complessive di ca. $ 9 miliardi. Prima di arrivare in Dyal, Jeff è stato senior managing director di Bear Stearns Asset Management (“BSAM”). Durante il suo periodo in BSAM, è stato chief development officer e ha guidato l’espansione strategica dell’azienda facendo crescere le masse in gestione da $ 23 miliardi a $ 55 miliardi di Aum in quattro anni. Prima di BSAM, Jeff ha ricoperto ruoli di responsabilità in Morgan Stanley Asset Management.

AZ US Holding, la holding statunitense del Gruppo Azimut, effettuerà la transazione che prevede un business plan a 10 anni con opzioni put/call, finalizzato all’acquisizione di asset manager alternativi di medio-piccole dimensioni, aiutandoli ad esprimere il loro pieno potenziale. Nel caso di completamento di tutte le acquisizioni previste, Azimut si aspetta di raggiungere nei prossimi 10 anni oltre 7 miliardi di dollari di Aum pro-quota (oltre 20 miliardi di Aum complessivi). Il business plan di AACP prevede nel tempo anche l’ingresso di altri senior managers già individuati. Azimut e il management di Aacp si impegnano a collaborare per la crescita del business nel lungo periodo.

Oppenheimer & Co. ha agito come advisor nella creazione di Azimut Alternative Capital Partners.

Jeffry Brown, ceo di Aacp, commenta: “Sono lieto di unirmi alla grande famiglia di Azimut e non vedo l’ora di costruire un nuovo asset manager alternativo diversificato e multi-affiliato, facendo leva sul successo del Gruppo Azimut combinato con la mia esperienza. La reputazione di primissimo livello di Azimut a livello globale, insieme ad un approccio di lungo periodo, mi dà fiducia che raggiungeremo gli obiettivi di business previsti nel piano.”

Pietro Giuliani, presidente del gruppo Azimut, commenta: “Siamo entusiasti di avere un professionista di prim’ordine come Jeff a bordo con noi in questa iniziativa. Crediamo fortemente nel progetto di investire in asset manager alternativi negli Stati Uniti, puntando alla creazione di valore nel lungo termine, in linea con il DNA di Gruppo. Siamo convinti che questa partnership avrà successo e consentirà una importante crescita nel settore degli alternativi in modo complementare al progetto di Azimut Libera Impresa SGR. Gli asset manager alternativi in cui investiremo avranno al loro fianco un partner stabile e di fiducia, che li aiuterà a raggiungere i propri obiettivi e la propria crescita.“


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il sogno americano

Azimut, Fitch rivede al ribasso il rating

Azimut, raccolta positiva e cambio in vista per le fee

Reti Champions League: quarti da urlo, ecco chi passa alle semifinali

Azimut, maxi prestito da 500 milioni di euro

Azimut, sua maestà il dividend yield

Azimut, 30 candeline alla faccia dei gufi

Banca Generali mette il turbo sulla consulenza evoluta

Azimut, 7 miliardi di motivi per essere sostenibili

Anasf, due nuovi appuntamenti sul territorio

Azimut, la raccolta 4.0

Azimut, un utile straripante

Azimut, rendimenti a doppia cifra con le Pmi

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

Azimut, partnership con Illimity per i consulenti

Azimut, Martini presenta Ali Expo

Azimut, manca poco ad Ali Expo

Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

Consulenti, un libro per investire nell’economia reale

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Azimut, raccolta sprint a settembre

Consulenza, il futuro secondo Giuliani (Azimut) e Marconi (Chebanca!)

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Intesa e Azimut, i veri big del dividendo

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Azimut, scommessa americana

Azimut, la rivincita degli ex

Azimut, la volatilità rallenta la raccolta di agosto

Reti, le montagne russe ad agosto

Cade il governo, le reti gongolano in Borsa

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Ti può anche interessare

Crédit Agricole, i conti del trimestre sono in chiaroscuro

L'utile dei primi tre mesi del 2019 è stato sotto le attese degli analisti a causa di oneri straord ...

Consulenti finanziari, oltre 1.300 miliardi di opportunità

L’Italia è un Paese con una spiccata tendenza al risparmio. Si fa diverso il discorso se si p ...

Credem, il nuovo volto della formazione

Novità nella formazione in casa Credem. Marianna Bianchetta, 42 anni, ha recentemente assunto l’i ...