Consulenti, il fascino discreto della filiale

A
A
A
Avatar di Nicola Ronchetti20 novembre 2019 | 11:34

Siamo a Milano capitale della finanza in Italia, in pieno centro. Il palazzo è imponente, l’ambiente è accogliente, calde luci, opere d’arte moderna, un’iconica poltrona di pelle rossa della Frau. È una delle sedi di Banca Mediolanum, pare che quella di Roma sia ancora più bella. Sempre a Milano entriamo in uno spazio moderno, predomina il bianco, la luce, la trasparenza, il logo di Fineco ci fa capire che siamo in una banca, ambiente ovattato, spazi accoglienti. Potremmo andare avanti raccontando quello che troviamo nelle filiali e negli uffici finanziari di Fideuram, Banca Generali, Deutsche Bank FA, IWBank, Che Banca!, Allianz Bank, Widiba e altre realtà che possono contare su location moderne e al passo con i tempi.

Luoghi di aggregazione
Ma preferiamo fermarci qui. Cosa c’è di strano in tutto questo? Nulla se non fosse che, mentre le banche stanno facendo la rincorsa a chi chiude più filiali, le reti dei consulenti finanziari ne stanno aprendo molte sul territorio. Gli italiani, con un certo ritardo rispetto ai cugini europei si sono resi conto che in banca si può accedere dallo smartphone. Ma quando i nostri connazionali devono sottoscrivere un mutuo, investire il loro denaro, chiedere un prestito, per loro a filiale resta irrinunciabile. C’è chi dileggia la filiale bancaria molto spesso a sproposito, forse dimenticando che nei centri con meno di 10mila abitanti (in Italia sono oltre il 75%) la filiale è da sempre un luogo di aggregazione e di incontro, al pari dell’ufficio postale. A ben vedere c’è un’apparente contraddizione: le banche digitali stanno cercando di diventare anche fisiche e quelle fisiche cercano di diventare digitali, spesso con alterne fortune. Ma cosa ne pensano i consulenti, i private banker e i gestori bancari di tutto ciò? Al 75% degli advisor, pur essendo da sempre abituati a operare fuori sede, l’apertura di uffici sul territorio o di veri e propri flagship store piace molto. Il 34% li apprezza per accogliere i clienti ma il 66% anche per il valore simbolico, di prestigio e per la visibilità che uno spazio fisico, situato in zone centrali e di grande passaggio è in grado di offrire.

Apprezzate dai professionisti
Anche per i private banker la sede ha una certa rilevanza. Per il 76% si tratta di un luogo imprescindibile per incontrare i clienti, il 69% li apprezza per incontrare i colleghi. Anche i gestori bancari dedicati alla clientela affluent (con patrimoni tra i 100mila e i 500mila), sembrano apprezzare molto la filiale bancaria dove nell’89% dei casi incontrano i clienti, e nel 67% dei casi la ritengono fondamentale per la qualità del proprio lavoro. Insomma, se è vero che oggi molto più che in passato i clienti sono abituati ad accedere alla banca dallo smartphone o a ricevere il proprio referente per gli investimenti a casa, è altrettanto vero che un luogo fisico della banca non solo è necessario ma lo sarà ancora di più in futuro. Pensiamo alla potenza di fuoco di oltre 13mila filiali sul territorio di Poste Italiane, il più temuto concorrente delle banche. Non credete a chi dice che la filiale è defunta. Il suo ruolo è cambiato, ma avrà in futuro una funzione di incontro tra domanda e offerta affiancando le piattaforme digitali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi Coronavirus, le banche sono più pronte di quanto il mercato creda

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Reclutare i consulenti giusti, un corso a Roma

Banche, i nuovi stress test all’ombra del Coronavirus

Contratto bancari, missione compiuta

Il futuro di Sergio Ermotti non sarà in banca

Banche, la desertificazione delle filiali

Bnl Bnp Paribas LB: 6 nuovi consulenti per la rete

Mediolanum, i consulenti verso un percorso esaltante

Mediolanum, il ruolo sociale del banker

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Mediolanum: il 2020 inizia col botto, in attesa dei Pir

Truffe bancarie, rimborsi anticipati

La vecchia banca perde valore

Mediolanum: i consigli al cf per spiegare i multipli ai clienti

Banche, ecco le pagelle della Bce

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Ti può anche interessare

Banca del Piemonte, utile in calo

L'assemblea degli azionisti ha approvato i conti del 2018 e nominato il nuovo Consiglio d'amministra ...

Generali, un laboratorio per il benessere dei consulenti

Una nuova tappa nel percorso di welfare per i dipendenti targata Gruppo Generali. L’Energy ...

Elezioni Anasf, due fronti e un outsider

Dopo avervi presentato in anteprima i volti e i programmi delle liste che si “affronteranno ...