Consulenti, meglio occupati che preoccupati

A
A
A
Avatar di Redazione 26 Novembre 2019 | 10:39

A cura di Maria Grazia Rinaldi

“Le piccole menti, hanno piccole preoccupazioni; le grandi menti… non hanno tempo per le preoccupazioni”, scriveva lo scrittore e filosofo americano Ralpho Waldo Emerson. Spesso passiamo il nostro tempo a preoccuparci più che a occuparci delle cose. La preoccupazione è un’attività della mente che serve a produrre vari scenari possibili, spesso alcuni molto improbabili. La nostra mente ce li mostra per cercare di vedere in anticipo un eventuale pericolo a cui potremmo andare incontro, ovviamente è un processo che viene messo in atto per proteggerci. È importante quindi  sottolineare che la preoccupazione ci ha permesso di sopravvivere ed evolvere. La nostra mente ha come unico obiettivo il nostro benessere. Il problema nasce nel momento in cui iniziamo a preoccuparci troppo e a occuparci poco.

Impegnarsi ad agire
Studi scientifici sostengono che una preoccupazione costante riduce drasticamente la disponibilità di risorse cerebrali che vengono impiegate dalla preoccupazione stessa. Cosa ben diversa è occuparsi, perché passiamo dal pensiero all’azione, cercando in modo operativo delle soluzioni. Occuparsi non significa smettere di soffrire, ma impegnarsi ad agire, su quanto è in nostro potere fare. Ci sono alcuni eventi che, oggettivamente, non si possono cambiare e bisogna solamente accettare. Se noi consideriamo i miglior consulenti finanziari, i grandi manager, i top performer, non sprecano il proprio tempo a preoccuparsi bensì a occuparsi delle loro questioni. La gran parte di loro utilizza le proprie risorse per risolvere i problemi piuttosto che sprecarle per ingigantirli. Non sto dicendo che non dobbiamo più preoccuparci ma cerchiamo di spostare la nostra attenzione su ciò che nella nostra vita è in nostro potere controllare. Quando perdiamo il nostro tempo a “rimuginare”, il nostro pensiero diventa ripetitivo, negativo, incontrollabile, non è orientato all’azione, ma solo alla produzione di altri pensieri negativi.

Il potere di fare
Quando il pensiero diventa ridondante ci impedisce di concentrarci sui pensieri felici, perché tendiamo a vedere solamente eventi catastrofici. È un modo questo per poter anticipare e indirettamente controllare un potenziale evento temuto. Quando ci troviamo in questi momenti in cui il nostro pensiero è bloccato, proviamo a porci delle domande che orientano all’azione, facendoci così uscire dal pensiero ossessivo.

Proviamo a chiederci: quanto è utile, in questo momento, concentrarsi sull’immaginare possibili scenari negativi? Cosa posso fare ora per evitare le conseguenze tanto temute? Se non ho la possibilità di agire sull’evento, quanto è utile per me perdermi in questi pensieri? Che cosa è in mio potere fare ora? Quando siamo preoccupati, agiamo. Sostituiamo i nostri pensieri disfunzionali con azioni produttive. La preoccupazione può essere utile solo quando ci spinge ad agire. E come disse uno statista come l’ex presidente americano Andrew Jackson: “Prendi tempo per pensare; ma quando arriva il momento giusto dell’azione: smetti di pensare e agisci”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, lo scoglio dei finanziamenti

AAA cercasi consulente per risparmio ingente

Consulenti, le novità di Whatsapp Business possono esservi utili

Consulenti e Facebook, differenze tra profilo e pagina professionale

Consulenti e risparmio, l’antidoto contro la paura

Consulenti, cosa succede ai clienti se l’Scf viene radiata

Consulenti timidoni, tre regole per fare rete

Consulenti, la scadenza Irpef slitta al 20 luglio

Consulenti, tre consigli per trovare clienti sui social

Consulenti, 11 lezioni di finanza spicciola – Il mistero del denaro

Consulenti, un moto perpetuo per la crescita

Consulenti, così potete gestire meglio il vostro tempo

Consulenti, guadagni a doppia cifra con i fondi alternativi

Consulenti, preparatevi all’arrivo della cam-bank

Consulenti, ecco come cambieranno i tuoi clienti dopo il Covid-19

Consulenti, come preparare in anticipo i vostri contenuti di marketing

Consulenti, il cliente italiano gioca in difesa

Consulenti, cosa c’è per voi nel DL Rilancio

Consulenti, 5 consigli d’oro per fare incetta di clienti

Consulenti, ad aprile torna il bonus da 600 euro

Fideuram Ispb: exploit dell’amministrato, la trimestrale ringrazia

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

Consulenti, scriveteci la vostra storia originale

Consulenti e smart working, occhio ai pirati del web

Consulenti, essere ambiziosi non basta

Consulenti, occhio alle facili occasioni sul petrolio

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Garanzia statale, come avere il prestito in banca

Consulenti e reti, la rivoluzione dei canali digitali

Consulenti, il contributo annuale Ocf si paga a maggio

Consulenti, 5 regole d’oro per investire ai tempi del coronavirus

Consulenti, il vero virus che minaccia l’industria

Coronavirus, il cf sarà una piccola Amazon

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: il carrozzone delle retrocessioni

Non perdete la puntata di oggi di Bluerating News, in diretta su Bfc alle 19.00 e disponibile in pod ...

Bnp Paribas, utile in ascesa

Il gruppo bancario francese Bnp Paribas chiude il 2019 con un utile netto di gruppo di 8,173 miliard ...

Mps, avanti con la ristrutturazione della rete

Il 10 ottobre un incontro con i sindacati per il piano Pegaso2 che prevede tagli al personale e camb ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X