Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati26 novembre 2019 | 13:52

La discussione sull’Unione bancaria europea, rilanciata nei giorni scorsi con la proposta avanzata dal ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz, si sposta sui titoli illiquidi o derivati. Un fattore di rischio al quale sono fortemente esposti gli istituti di credito tedeschi e francesi. A partire da Deutsche Bank, la “grande malata” del sistema bancario del Vecchio continente, gravata da un’esposizione monstre ai derivati pari a 16 volte il valore del Pil tedesco.

I titoli illiquidi di livello 2 e 3, per la loro stessa struttura finanziaria e per il fatto di non essere scambiati sui mercati, sono di difficile valutazione: l’opacità della struttura li espone al cosiddetto valuation risk, ossia il rischio di iscrizione in bilancio a un valore più o meno lontano da quello corretto. Ma alcuni esperti notano che la situazione peggiorerebbe ulteriormente in caso di dissesto di una banca che li detiene in maniera massiccia, come avvenuto per Lehman Brothers e per i subprime, all’origine della grande crisi finanziaria globale.

In questo scenario, i titoli illiquidi sarebbero una grana ben peggiore dei titoli di Stato, facilmente vendibili sul mercato, ma anche dei crediti deteriorati i quali, nonostante siano tanto demonizzati nella proposta Scholz sull’Unione bancaria, sono comunque coperti a livello di capitale e abbiano un valore recuperabile sul mercato.

Il problema del progetto avanzato dal ministro delle Finanze di Berlino è che non prende minimamente in considerazione la questione dei derivati. Una “dimenticanza” che ha alimentato più di un sospetto sulla vera finalità dell’iniziativa di Scholz, che secondo i critici sarebbe proprio quella di mettere sulle spalle del sistema bancario europeo i rischi dell’esposizione agli illiquidi delle banche tedesche.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

Ti può anche interessare

Enasarco, presentate le liste elettorali

Lo scorso 15 novembre, alle ore 15, è scaduto il termine di presentazione delle liste elettorali. C ...

L’Italia va in recessione, parola di Pimco

Per la casa d’affari statunitense l’economia del nostro Paese si muoverà in negativo anche nell ...

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Sappiamo bene che da diversi mesi le funzioni di vigilanza sul nuovo Albo Unico dei Consulenti Finan ...