Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti27 novembre 2019 | 10:02

UniCredit annuncia nuovi target ESG nell’ambito del suo impegno sulla sostenibilità nel lungo periodo, impegnandosi a eliminare tutti i prodotti in plastica monouso dalle sedi della banca entro il 2023 e a supportare con 1 miliardo di euro progetti con un impatto sociale positivo. “La sostenibilità è parte integrante del Dna del gruppo e un elemento chiave del nostro modello di business”, ha commentato l’Ad Jean Pierre Mustier, “UniCredit è impegnata a proteggere il capitale naturale a cominciare dall’ambiente. Ogni azienda deve andare oltre il business as usual: questo è il momento di agire e di avere un impatto concreto. Costruire un futuro sostenibile è una sfida importante sia per le persone che per le imprese. Le misure annunciate oggi come parte della nostra più ampia strategia di sostenibilità sono in linea con il nostro principio guida: Fai la cosa giusta!”.

L’iniziativa Social Impact Banking (SIB), sintetizza l’agenzia Askanews, che ha erogato in Italia oltre 100 milioni a supporto di microimprenditori e imprese a impatto sociale, è attualmente in fase di estensione in ulteriori 11 mercati del gruppo e UniCredit si impegna ad approvare finanziamenti complessivi pari a 1 miliardo entro il 2023.

UniCredit sta riducendo al minimo il proprio impatto ambientale diretto attraverso specifiche scelte energetiche. Dal 2008 il gruppo ha dimezzato le emissioni di gas serra, con l’obiettivo di raggiungere il 60% di riduzione entro il 2020 e l’80% entro il 2030. Il gruppo ha inoltre preso l’impegno di utilizzare esclusivamente fonti di energia rinnovabile nelle proprie sedi in Italia, Germania e Austria entro il 2023. Nel 2018 la percentuale di consumo energetico proveniente da fonti rinnovabili era già pari al 78%. Tutti i prodotti in plastica monouso saranno tolti dalle sedi della banca entro il 2023. UniCredit sta inoltre riducendo l’uso della carta e nel 2018 circa il 60% della carta utilizzata era già di matrice ecologica.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Banche, il fintech ammazza i ricavi

Widiba, contaminazione salentina

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Ti può anche interessare

Pagamenti digitali, Deutsche Bank integra Google Pay

Deutsche Bank accelera sui pagamenti digitali ampliando le soluzioni per i propri clienti in Italia ...

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Riprende forza la raccolta netta di Banca Mediolanum. La società guidata dall’amministratore ...

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

.Intervista a Dario Di Muro, direttore generale di IWBank PI, realizzata nel corso del SdR 2019. ...