Mediobanca, la Procura apre un fascicolo sulla scalata di Delfin

A
A
A
di Redazione 3 Dicembre 2019 | 10:31

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo d’inchiesta a modello 45, cioè senza ipotesi di reato né indagati, sulle operazioni con cui l’imprenditore Leonardo Del Vecchio si è portato negli ultimi tre mesi poco sotto il 10% di Mediobanca attraverso la Delfin, la sua holding lussemburghese. Lo scrive l’edizione odierna del Sole 24 Ore, secondo cui l’inchiesta sarebbe stata aperta in seguito a una segnalazione di Consob. Una decina di giorni fa, si apprende dall’agenzia Reuters, gli ispettori di Consob si sono presentati insieme agli uomini del nucleo valutario della Guardia di Finanza nella sede milanese di Luxottica per porre quesiti e acquisire la documentazione sull’operazione. L’authority di mercato intende accertare l’aderenza alle norme previste dal Tuf delle modalità in cui la Delfin ha fatto il suo ingresso in Mediobanca per poi salire poco sotto il 10%. Operazioni effettuate con l’ausilio di intermediari italiani ed esteri e tramite l’acquisizione da Unicredit del 2,5% nell’ambito del collocamento con cui la banca è uscita da Piazzetta Cuccia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mediobanca, quell’incontro tra Del Vecchio e Nagel

Doris, il patto su Mediobanca tiene duro (almeno per ora)

Mediobanca, Del Vecchio sale all’11%

NEWSLETTER
Iscriviti
X