Mediolanum-Mediobanca, nozze perfette

A
A
A

Secondo gli esperti il partner ideale di Piazzetta Cuccia è la banca dei Doris. Ecco perché.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino10 dicembre 2019 | 08:39

Nei mesi scorsi sono circolate a cadenza ciclica indiscrezioni di possibili aggregazioni tra Mediobanca e realtà importanti del wealth management, da Azimut Banca Generali fino a quella più recente di Fineco, puntualmente smentita (vedi notizia). Ma secondo alcuni consulenti aziendali esperti il matrimonio in questo settore che avrebbe più senso industriale per Mediobanca è quello con Banca Mediolanum. Del resto Mediobanca e la banca dei Doris sono stati soci a lungo nella private Banca Esperia e attualmente i proprietari di Banca Mediolanum sono soci di Piazzetta Cuccia col 3,7%.

Quali sarebbero i vantaggi per Mediolanum delle nozze con Mediobanca?

  1. La possibilità di migliore sfruttamento del mercato private, attualmente poco presidiato dalla banca dei Doris.
  2. L’evoluzione della piattaforma di strumenti digitali a disposizione dei clienti e dei consulenti finanziari, grazie allo sfruttamento della piattaforma di CheBanca! di Mediobanca.
  3. La valorizzazione della clientela imprenditori/imprese, presente in quota rilevante nella customer base di Mediolanum.
  4. Maggior efficacia commerciale di un modello con reti specializzate vs. “stretching” modello attuale di Mediolanum verso la clientela private.
  5. La valorizzazione delle fabbriche di asset management, grazie all’aumento della scala dimensionale dovuta alla fusione con le fabbriche di Mediobanca.
  6. Il raggiungimento di economie di scala: strutture/personale di sede; sistemi di core-banking (entrambe sono su centri servizi con cui si potrebbero rinegoziare i contratti su diversi scala di clientela); logistica; formazione; marketing e promozione.
  7. Il rafforzamento del management team.

E quali sarebbero i vantaggi per Mediobanca delle nozze con Mediolanum?

  1. L’accelerazione della crescita nel settore del wealth management, uno degli assi chiave del nuovo piano industriale di Nagel
  2. Una migliore caratterizzazione della rete dei consulenti di CheBanca!, che potrebbe essere focalizzata sulla clientela private in parallelo alla rete Mediolanum che sarebbe invece focalizzata sui clienti mass/affluent.
  3. La valorizzazione delle fabbriche di asset management, grazie all’aumento della scala dimensionale dovuta alla fusione con le fabbriche di Mediolanum.
  4. La possibilità di offerta dei servizi per le imprese e imprenditori alla clientela di Mediolanum.
  5. La possibilità di sviluppo in house di tutta la filiera di gestione dei prodotti alternativi (ad esempio i Pir, gli Eltif, il private debt, il private equity, ecc…), una delle asset class con maggiore potenziale di crescita nel medio termine.
  6. Il raggiungimento di economie di scala: strutture/personale di sede; sistemi di core-banking (entrambe sono su centri servizi con cui si potrebbero rinegoziare i contratti su diversi scala di clientela); logistica; formazione; marketing e promozione.
  7. Una stabilizzazione dell’assetto azionario dopo il blitz di Leonardo Del Vecchio arrivato al 10% del capitale..

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I Pir rifaranno il pieno, Mediolanum in pole position

Mediolanum e Fidelity, stretta di mano nelle gestioni

Mediolanum e Fineco, campioni di solidità

Doris e Nagel, sposi perfetti

Reti, un anno da Cani

Lady Doris, un tesoro da 70 milioni

Mediolanum, il regalo speciale di Doris ai nipoti

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Banca Mediolanum, il 2019 in 5 notizie

Mediolanum, nuova casa europea per i fondi

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Banca Mediolanum, il wealth management ha un nuovo timoniere

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Mediolanum e la settima arte

Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

Doris stoppa Del Vecchio

Pir, la sfuriata di Doris

Fininvest-Mediolanum, deciderà l’Europa

Carige, anche Mediolanum potrebbe dare una mano

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Reti, patrimonio record: Ispb regina, Mediolanum padrona del gestito

Banche, tutti i figli di Ennio Doris

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

Banca Mediolanum, raccolta senza guizzi a luglio

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Reti Champions League: Mossa sa solo vincere, testa a testa Di Muro-Giuliani

Banca Mediolanum, toccato il record di masse gestite

Ti può anche interessare

Assoreti: ad aprile la raccolta ringrazia gli assicurativi

I dati rilevati da Assoreti indicano una raccolta netta positiva, per le reti di consulenti finanzia ...

Deutsche Bank, trimestre ancora in rosso

Deutsche Bank chiude il terzo trimestre dell’anno con un rosso di pertinenza dei soci di 859 m ...

Carige, le offerte di Pasqua

Qualcuno ha messo gli occhi su Carige. Entro Pasqua sono attese le offerte vincolanti dei potenzial ...