Consulenti finanziari: il nuovo regolamento UE per gli investimenti sostenibili

A
A
A
Avatar di Simona Politini10 dicembre 2019 | 11:32

I fondi di investimento sostenibili riscuotono sempre più interesse nell’ambito della consulenza finanziaria. A fronte di ciò, con l’intento di tutelare gli investitori, l’Unione Europea ha emanato un nuovo regolamento sull’informativa nei servizi finanziari.

Sostenibilità e finanza, un rapporto destinato a consolidarsi

“Poiché l’Unione si trova ad affrontare in misura sempre maggiore le conseguenze catastrofiche e imprevedibili dei cambiamenti climatici, dell’esaurimento delle risorse e altre questioni legate alla sostenibilità, sono necessari interventi urgenti per mobilitare capitali non solo mediante politiche pubbliche, ma anche da parte del settore dei servizi finanziari. Pertanto, i partecipanti ai mercati finanziari e i consulenti finanziari dovrebbero essere tenuti a comunicare informazioni specifiche circa i loro approcci all’integrazione dei rischi di sostenibilità e alla considerazione degli effetti negativi per la sostenibilità”.

Così riporta il punto 8 del nuovo Regolamento UE, che entrerà in vigore dal 29 dicembre 2019,  che stabilisce le norme sulla trasparenza per i partecipanti ai mercati finanziari e i consulenti finanziari per quanto riguarda l’integrazione dei rischi di sostenibilità e la considerazione degli effetti negativi per la sostenibilità nei loro processi e nella comunicazione delle informazioni connesse alla sostenibilità relative ai prodotti finanziari. Il regolamento, obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri dell’Unione Europea, avrà attuazione a partire dal 10 marzo 2021.

Al punto 10 il regolamento riporta:

“Il presente regolamento mira a ridurre l’asimmetria delle informazioni nelle relazioni principale-agente riguardo all’integrazione dei rischi di sostenibilità, alla considerazione degli effetti negativi per la sostenibilità, la promozione delle caratteristiche ambientali o sociali, e degli investimenti sostenibili obbligando i partecipanti ai mercati finanziari e i consulenti finanziari a effettuare informative precontrattuali e continuative destinate agli investitori finali, qualora essi agiscano in qualità di agenti per conto degli investitori finali (principali)”.

Al punto 13 il regolamento riporta:

“Il presente regolamento impone ai partecipanti ai mercati finanziari e ai consulenti finanziari che forniscono consulenza in materia di investimenti o di assicurazioni riguardo ai prodotti di investimento assicurativi (IBIP), indipendentemente dalla progettazione dei prodotti finanziari e dal mercato di riferimento, di pubblicare politiche scritte sull’integrazione dei rischi di sostenibilità e assicurare la trasparenza di tale integrazione”.

Il nuovo regolamento Europeo n. 2019/2088 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 novembre 2019 relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea n. L317 del 9 dicembre 2019. Qui la versione integrale del regolamento UE


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulente finanziario, ecco su cosa vogliono investire i Millennial

Investimenti sostenibili, l’esame della realtà

Italia in prima linea in fatto di investimenti sostenibili

Ti può anche interessare

Una IWBank PI in stile Piatek

Il direttore generale Dario Di Muro punta tutto sull’attacco ...

Goldman Sachs, 50 miliardi sulla robo advisory

L’era dei robo advisor si avvicina inesorabile, e anche in casa Goldman Sachs sarà reso dispo ...

Top manager finance, Poste batte tutti

Matteo Del Fante di Poste Italiane è il manager con la miglior reputazione online nel settore della ...