Elezioni Anasf: no rivoluzione, sì continuità

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 18 Dicembre 2019 | 12:16

Si è svolta lo scorso 17 dicembre presso lo spazio YoRoom in Milano la presentazione del programma della lista Insieme per crescere, una delle cinque realtà che si confronteranno nel corso delle prossime elezioni Anasf.

Se dalla 2 alla 5, le liste con i loro programmi sembrano volere fare leva, chi più chi meno, sul tema della discontinuità, lista 1 ha idee differenti “Anasf sta percorrendo un cammino virtuoso che vogliamo portare avanti con progettualità e determinazione, senza retorica” afferma Luigi Conte, uno dei capilista insieme a Ferruccio Riva e Luigi Criscione. “Il ruolo del consulente finanziario è centrale rispetto ad un mondo che fa della complessità il suo valore fondante. Non dobbiamo però sottovalutare anche un dialogo proattivo con Assoreti per riuscire insieme ad affrontare al meglio le sfide del futuro dell’advisory, come per esempio quella fondamentale del ricambio generazionale”.

“Il programma che abbiamo stilato è relativamente semplice” aggiunge Ferruccio Riva “Vogliamo puntare concretamente alla crescita del settore. Un tema chiave in tal senso è la remunerazione, connesso a quello della trasparenza. Attualmente c’è uno sbilancio tra intermediari e professionisti ed è necessario passare dal collocamento del prodotto al servizio di consulenza. Dobbiamo abituare il mercato a pagare per la consulenza e in tal senso vorremmo proporre la commissione sostitutiva di consulenza. Il mercato sarebbe più efficiente, si risolverebbe il tema del conflitto di interesse e valorizzerebbe il lavoro svolto dai professionisti, a vantaggio di tutti gli operatori del mercato”.

Le ambizioni elettorali sono chiare, spiega Conte “Corriamo per essere la forza centrale del prossimo governo Anasf. Ambiamo quindi a una maggioranza significativa, cercando di concentrarci sui contenuti, cosa che chiediamo a chiunque voglia confrontarsi con noi, lasciando da parte ogni contrapposizione ideologica”
Ma con un apparentamento in essere (quello tra lista 2 e lista 3) e una composizione delle liste eterogenea, non sussiste il rischio che chi dovesse affermarsi si troverebbe di fatto con una maggioranza risicata in consiglio e un derivante rischio di stallo decisionale? “Vedremo come andrà, la politica associativa ha dei temi fondanti sul futuro della professione. Non escludo future convergenze l’importante è che il confronto sia sui contenuti. Dialogando si potrebbero trovare delle forme di compromesso, fermo restando che il nostro obiettivo rimane quello di governare l’associazione tramite una vittoria fatta di passione e impegno”.

Intanto Anasf nella giornata odierna ha comunicato la lista completa dei nomi dei candidati delle 5 liste che concorrono alle elezioni dei delegati dell’XI Congresso nazionale dell’Associazione, che si svolgerà dal 13 al 15 marzo 2020 a Solbiate Olona.

I soci aventi diritto di voto potranno esprimere le loro preferenze dal 13 gennaio all’11 febbraio 2020.

Visita la sezione per consultare i programmi e le liste

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ConsulenTia21, aperte le iscrizioni per l’appuntamento di maggio

Anasf, i prossimi webinar arrivano in Trentino Alto Adige e Abruzzo

ConsulenTia21 “Quando l’energia incontra il futuro”: il resoconto LIVE di Bluerating

NEWSLETTER
Iscriviti
X