Mps, nuovo deal con Illimity sugli npl

A
A
A
Avatar di Redazione 30 Dicembre 2019 | 09:58

“Il Gruppo Mps prosegue il suo percorso di derisking e conclude ulteriori 3 operazioni di cessione di crediti deteriorati per un importo totale di circa 1,8 miliardi di euro”. Lo si legge in una nota dell’istituto, ripresa da teleborsa, in cui viene rimarcato che “gli accordi si sommano ai precedenti conclusi nel corso del 2019 e portano a circa 3,8 miliardi di euro i non-perfoming exposures (Npe) complessivamente ceduti dal Gruppo nel corso dell’anno. I deal conclusi riguardano, in particolare un’operazione di cessione pro-soluto di crediti non performing (Npl) per circa 1,6 miliardi di euro a illimity Bank S.p.A.. Il portafoglio e’ composto da Npl di natura prevalentemente unsecured di titolarita’ di Banca Mps e di Mps Capital Services; due operazioni per complessivi circa 0,2 miliardi di euro aventi per oggetto la cessione pro-soluto di crediti unlikely to pay (Utp) prevalentemente secured verso clientela corporate di titolarita’ di Banca Mps e Mps Capital Services”. “Con questi accordi, che si sommano ai precedenti realizzati nel corso dell’anno – viene sottolineato – il gross Npe ratio pro-forma del Gruppo Mps si attesta a circa 12,5%, raggiungendo con due anni di anticipo l’obiettivo del 12,9% previsto dal Piano di Ristrutturazione a fine 2021. La conclusione di questi accordi, pertanto, rappresenta un ulteriore e significativo passo avanti nel processo di accelerazione del derisking previsto dal Piano di Ristrutturazione 2017-2021 e nel rispetto degli impegni presi con la Commissione Europea”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps-Unicredit, per Fabi è un matrimonio che non s’ha da fare

Unicredit, nuovi orizzonti con Mps

Unicredit, Fabi all’attacco sul dossier Mps

NEWSLETTER
Iscriviti
X