Credem, educazione a misura di bambino

A
A
A
di Redazione 31 Dicembre 2019 | 09:57

Quest’anno Credem ha deciso attraverso la collaborazione con Save The Childrenl’Organizzazione che da 100 anni lotta per salvare i bambini e rischio e garantire loro un futuro, di utilizzare la cifra che annualmente riserva ai brindisi di natale per regalare a 125 bambini con gravi difficoltà economiche l’opportunità di un progetto educativo personalizzato.

In particolare, Save The Children, grazie ad un vero e proprio patto educativo, darà l’opportunità a quei bambini e ragazzi in condizione di particolare vulnerabilità economica e sociale, di poter uscire dal circolo vizioso della povertà educativa. La dote educativa è infatti costruita alla luce delle necessità formative di ogni singolo bambino e adolescente, definendo per ciascuno un piano personalizzato in grado di offrire le opportunità che meglio incontrano le sue esigenze e aspettative, per valorizzare le sue potenzialità e sviluppare i propri talenti. Ai bambini e agli adolescenti coinvolti, infatti, sarà data l’opportunità, ad esempio, di frequentare un corso sportivo o un corso per imparare a suonare uno strumento musicale, partecipare a visite culturali e centri estivi, ricevere materiali scolastico e attrezzature per il tempo libero. La dote educativa è quindi uno strumento fondamentale per supportare bambini e ragazzi nella loro crescita e dare loro la possibilità di sviluppare appieno il proprio potenziale realizzando i propri sogni e costruendo il proprio futuro.

“Sono fermamente convinto”, ha commentato Andrea Bassi, Direttore del Personale di Credem, “che queste iniziative siano molto importanti per il nostro futuro sia come persone sia come azienda, perché ci permettono di essere parte attiva nella diffusione della solidarietà”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, la Silicon Valley nel portafoglio

Credem, al via i seminari sui leader d’opinione

CheBanca!, una valanga di nuovi ingressi per la rete

NEWSLETTER
Iscriviti
X