Bim, arrivano altri 27 milioni

A
A
A

Il fondo Attestor effettua in anticipo il secondo versamento nella private bank guidata da Moro.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino2 gennaio 2020 | 20:10

La quotata Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni (BIM) è stata messa in sicurezza patrimoniale. Trinity Investments DAC, veicolo del fondo Attestor, socio di controllo della private bank guidata dall’a.d. Claudio Moro (nella foto) ha ritenuto soddisfatte le condizioni poste per l’esecuzione del secondo versamento patrimoniale previsto dalla lettera di impegni inviata in data 26 settembre 2019, in concomitanza con l’approvazione da parte del consiglio di amministrazione del piano strategico 2019-2024 finalizzato al rilancio di BIM.

Pertanto, in anticipo rispetto ai tempi inizialmente previsti (gennaio 2020), lo scorso 31 dicembre 2019 Trinity ha effettuato un versamento in conto futuro aumento di capitale di 27,1 milioni di euro da utilizzarsi, unitamente al primo versamento di 9,7 milioni eseguito il 30 settembre 2019, nell’ambito dell’aumento di capitale per l’esecuzione del quale l’assemblea degli azionisti ha conferito delega al consiglio. Con tale versamento, che ha carattere perpetuo e irredimibile, si completano gli interventi di rafforzamento patrimoniale da parte di Trinity per complessivi 44,1 milioni.

La completata esecuzione degli impegni di rafforzamento patrimoniale si aggiunge agli altri passaggi fondamentali per l’implementazione del piano strategico quali l’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali, e successivamente approvato dall’assemblea dei lavoratori, per l’uscita dal gruppo di circa 130 dipendenti e l’approvazione di un piano di retention e incentivazione dedicato alla rete commerciale.

Moro ha dichiarato: “Il socio di controllo Trinity, completando i previsti interventi di rafforzamento patrimoniale, conferma il proprio sostegno al piano strategico 2019 – 2024, la cui attuazione con specifico riferimento alle condizioni connesse al secondo versamento patrimoniale è in anticipo rispetto alla tabella di marcia originariamente prevista. Un risultato che è stato possibile anche grazie all’impegno e al supporto del presidente, Alberto Pera, dei membri del consiglio e del collegio sindacale, del management e dei dipendenti che mi hanno affiancato in questo periodo”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bim cerca il grande rilancio

Bim, la presidenza a Clara

Nuovo terremoto in Bim

Ti può anche interessare

Banche popolari, crescono i finanziamenti a famiglie e imprese

Continua la crescita dei volumi intermediati dalle panche popolari, come evidenziato dai dati aggior ...

Credit Agricole, virata su consulenti e private banker

E’ stato recentemente presentato piano a medio termine del gruppo Crédit Agricole (2019-2022) ...

Conti correnti, bomba dalla Svizzera

Stanno per arrivare all’Agenzia delle Entrate i nominativi di 200 mila connazionali che hanno i c/ ...