Mifid 2, le grandi reti gongolano con le commissioni

A
A
A
Avatar di Redazione 14 Gennaio 2020 | 10:42

A due anni dagli esordi di Mifid 2, la temuta erosione dei ricavi da commissioni non sembra esserci stata. Almeno per quando riguarda le grandi banche e le reti di consulenza finanziaria, spinte dall’andamento positivo dei mercati e dall’apprezzamento delle masse. Lo si legge su un articolo del Sole 24 Ore uscito martedì 14 gennaio, che mette in evidenza come i grandi istituti e le reti di consulenza abbiano reagito bene nonostante i maggiori obblighi informativi alla clientela. A quanto pare, infatti, le performance complessivamente incrementano: Banca Mediolanum fa segnare un +10 punti base, Banca Generali +7, Fineco +1.

In base ai dati di Assoreti relativi al terzo trimestre 2019 rispetto al dato di fine 2018, sembra che i consulenti finanziari siano stati più prudenti nel collocamento dei prodotti del risparmio gestito. Le maggiori contrazioni della quota di gestito, malgrado l’andamento favorevole dei mercati finanziari, sono state di Credem (-11%), seguite da Intesa San Paolo Private Banking, Banca Generali, Deutsche Bank Fa, IW Bank che si fermano tutte al -2%. Mentre sono in controtendenza Bnl Bnp Paribas Life Banker (+2%) e Banca Mediolanum (+1%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, fedeli alla rete con il bonus

Banca Generali, trimestre record

Banca Generali, si accende la sfida per il miglior portafoglio Esg

NEWSLETTER
Iscriviti
X