East Capital: quali opportunità sui mercati emergenti

A
A
A
di Redazione 4 Febbraio 2020 | 08:30

Altro che Wall Street, Piazza Affari, Parigi o Londra. Le occasioni migliori, almeno nel 2019, le hanno trovate sui mercati emergenti, a cominciare dalla Russia. Lo sanno bene  i manager e i gestori di East Capital, asset manager a gestione attiva specializzato nei mercati emergenti e di frontiera.

“Riteniamo che il 2020 possa ancora essere un buon anno per il comparto azionario, basti osservare come a oggi ci siano 11.3 trilioni di dollari di debito che scambiamo a tassi negativi. Dopo un modesto 2019 in termini di utili, questi torneranno a crescere nell’anno in corso e per la prima volta dal 2017, nei mercati emergenti la crescita prevista degli utili sarà maggiore nei mercati emergenti che nei mercati sviluppati”, ha detto Jacob Grapengiesser, partner di East Capital, che ha incontrato assieme ai colleghi la stampa a Milano, nella giornata di giovedì 30 gennaio.

Ecco di seguito una sintesi  dell’analisi di Grapengiesser esposta durante la conferenza:

“Per una serie di ragioni riteniamo che il dollaro possa indebolirsi piuttosto che il contrario e questo sarebbe un altro scenario favorevole per i mercati emergenti, il rafforzamento del dollaro è stato infatti di impedimento sulla ripresa dei corsi azionari emergenti. In questo contesto le politiche monetarie dei Paesi emergenti restano in larga parte espansive, come in Brasile, Russia, Turchia e India, e questo è di supporto per il ciclo globale, soprattutto se confrontiamo l’indice PMI con il numero delle Banca centrali che seguono politiche accomodanti. In conclusione, ci aspettiamo un ritorno in doppia cifra per l’azionario emergente con una attenzione crescente se, come detto, il dollaro dovesse indebolirsi.

 

Mercati emergenti

Le nostre scelte di investimento nella strategia mercati emergenti globali sostenibili ci hanno premiato con una generazione di circa il 9% di alpha dal lancio, poco più di un anno fa con circa il 90% proveniente dalla selezione dei titoli con un approccio neutrale nella allocazione Paese.

In Cina la crescita economica dovrebbe essere superiore al 6% per il 2020. La crescita della domanda interna è trainata soprattutto dall’e-commerce, il progresso di quest’ultimo si aggira attorno al 21%, altro motore di crescita sono le città minori, la cui aumento nei consumi è superiore rispetto alle grandi città. Taiwan beneficerà dello sviluppo della tecnologia 5G, questo ciclo tecnologico porterà 280 milioni di smartphones sul mercato solo quest’anno. Anche la Corea del Sud beneficerà della crescita del settore tecnologico, questo dato si unisce al fatto che il mercato locale, Kospi, scambia su multipli inferiori alla propria media storica. In generale la Corea offre un’esposizione alla crescita emergente soprattutto attraverso alle sue aziende con un focus globale. In India intendiamo rimanere selettivi nei settori dove vediamo grande potenziale di crescita in ragione di livelli di penetrazione del mercato ancora bassi rispetto al resto dell’universo emergente, asiatico e non solo come il settore della sanità, del credito al consumo e a quello delle bevande analcoliche. In Brasile i tassi di interesse così bassi stanno cambiando lo scenario economico a supporto della crescita economica e anche del mercato locale da parte degli investitori locali in primis. In particolare, vediamo opportunità nel settore immobiliare e anche in quello delle infrastrutture.

Tra i casi d’investimento di successo sui mercati emergenti gli esperti di East Capital hanno segnalato  MAPAsctive (sport-retailer, Indonesia) e  DAQO (produzione di silicio policristallino, Cina).

Un focus particolare sulla Russia è stato al centro dell’intervento di Tim Umberger, altro partner di East Capital interveuto alla conferenza di Milano. Ecco la sintesi del suo speech:

 Nel 2020 assisteremo a una attenzione maggiore ai temi macroeconomici dopo un 2019 caratterizzato da un importante rally del 56%. Nell’anno passato abbiamo visto nomi di alta qualità che hanno patito il tema delle sanzioni nel 2018 riprendersi con forti rialzi, come nel caso di Sberbank, unitamente a casi specifici di titoli componenti del benchmark anch’essi in forte rialzo grazie al miglioramento di aspetti di governance come Gazprom e Lukoil. Dividendi molto alti rimangono un tema di interesse non solo per gli investitori internazionali ma anche per quelli locali in quanto il dividend-yield resta più elevato, ad esempio, del rendimento di titoli di stato a 5 anni. Un altro importante fattore da osservare in Russia è il crescente numero di investitori locali che si sta spostando sul mercato azionario, quasi raddoppiato nel 2019 e con una previsione di ulteriore crescita vicina al 40% nel 2020, oltre a questo solo il 4% del totale dei fondi pensione è investito nell’azionario locale contro il 14% in Turchia o il 17% in Brasile per fare alcuni esempi.

Tra i casi d’investimento di successo in Russia gli esperti di East Capital hanno segnalato  Yandex (motore di ricerca IT, Russia)

L’incontro di Milano della casa di gestione è stata anche l’occasione per fare il punto sulle strategie di sviluppo. Ne ha parlato il sales director Daniele Mellana (nella foto), sales director di East Capital. Ecco la sintesi del suo intervento: “Nel corso del 2019 East Capital ha sviluppato a livello di gruppo la propria attività attraverso alcune acquisizioni che portano ora il Gruppo ad avere quattro linee di business: East Capital specializzata nei mercati emergenti e di frontiera, East Capital Real Estate per le attività immobiliari, Espiria per le gestioni bilanciate in Svezia e Ardigo, un fondo hedge focalizzato sul segmento small &mid caps nordico. Le strategie di East Capital hanno generato quasi per intero buoni livelli di alpha, nello specifico le nostre strategie piu globali, East Capital Global Emerging markets Sustainable e East Capital Global Frontier Markets si sono distinte nei rispettivi peer groups. Il risultato è dovuto anche al rafforzamento del team di investimento che è stato ulteriormente esteso con 8 nuovi professionisti divisi nei vari uffici d’investimento: Stoccolma, Mosca, HK e Dubai”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati di frontiera, le prospettive nell’era del coronavirus

Le economie dell’Est Europa restistono al coronavirus

Coronavirus, la resilienza delle A-Share in Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X